Calciomercato Fiorentina: che perdita!

Pubblicato il autore: Luca De Iaco Segui

cuadrado
La squadra di Vincenzo Montella sembra mostrare piccoli segni di ripresa dopo i due passi falsi contro Empoli e Parma (rispettivamente un pareggio e una sconfitta) anche se il tecnico di sicuro non sarà entusiasta del modo in cui la sua squadra ha vinto le ultime due partite. Contro il Palermo infatti si stava per assistere a un vero e proprio suicidio calcistico (da 2-0 al 4-3 finale per i viola) e nella sfida di domenica scorsa contro il Chievo i viola hanno vinto solo all’ultimo minuto grazie a Babacar.
Come se non bastasse, per la serie “piove sempre sul bagnato”, ci sono delle voci che vorrebbero già per partente a gennaio Cuadrado. Il campione colombiano avrebbe infatti esposto la sua volontà di andare via da Firenze per approdare ad una big europea, considerando il fatto che molte squadre importanti hanno nel loro mirino il calciatore classe ’88. Una squadra su tutte è il Chelsea di Josè Mourinho il quale ha affermato di ammirare le doti tecniche del centrocampista, tanto che lo voleva con se già da quando allenava il Real Madrid anche se la trattativa fallì perchè gli fu preferito Angel Di Maria.

Ora però sono aumentate le possibilità di Mourinho di poter allenare Cuadrado e pare che il club inglese non voglia scherzare sulla trattativa: con le cessioni di Schurrle e di Salah (quest’ultima sta diventando un po’ un problema) i blues guadagnerebbero abbastanza per poter pagare l’intera clausola rescissoria di 35 ml del calciatore viola, potendo poi offrire al giocatore uno stipendio di 4/5 ml all’anno (rispetto ai 3 ml percepiti attualmente dal giocatore) fino al 2020 (un anno in più rispetto la fine dell’attuale contratto che ha scadenza il 2019).
Di certo un’offerta del genere sarebbe difficile da rifiutare, sia per la Fiorentina che per il giocatore stesso che si ritroverebbe così in un grande club europeo e soprattutto già in Champions e si sa, tutti i giocatori vorrebbero sentire le note di quell’inno sul campo.

  •   
  •  
  •  
  •