Calciomercato Serie A, Osvaldo non serve al Milan. Ecco tre centrocampisti per i rossoneri

Pubblicato il autore: Lorenzo Bettoni Segui

Italy v Germany - International Friendly

Osvaldo è fuori rosa ed in rottura con l’Inter e, notizia dell’ultima ora, il Milan sarebbe piombato sul giocatore insieme al Torino a cui Osvaldo servirebbe certo di più che ai rossoneri. Già l’arrivo di Cerci a Milanello ha suscitato qualche dubbio sull’utilità del giocatore in rossonero, in una rosa che sembra aver trovato la quadratura del cerchio in attacco, ma non sembra aver fatto lo stesso in difesa e soprattutto a centrocampo. Nella mediana rossonera non c’è un giocatore  in grado di dare ritmo al palleggio della squadra. Il Milan da il suo meglio non in fase di possesso palla, ma quando cerca i propri attaccanti direttamente con passaggi verticali. Ecco allora tre centrocampisti su cui dovrebbe concentrarsi il Milan, invece di dare la caccia all’ennesimo attaccante da aggiungere alla rosa. Questi tre mediani sono tutti in scadenza di contratto e potrebbero quindi arrivare  gratis al termine della stagione, o per pochi milioni di euro nel mercato di gennaio, ecco chi sono.

TRE CENTROCAMPISTI PER IL MILAN: SAMI KHEDIRA (Real Madrid)
Tra tutti i giocatori in scadenza di contratto, Khedira è certamente il più appetibile ed il giocatore lo sa bene. L’Arsenal lo aveva praticamente preso per più di venti milioni la scorsa estate, ma il giocatore chiedeva il doppio rispetto all’attuale ingaggio percepito (5 milioni, ne chiedeva 10). Questo è il motivo per cui arrivare a Khedira, sembra piuttosto complicato. Ci sono squadre in europa che sono in grado di soddisfare le richieste del giocatore più di quanto sia in grado di farlo il Milan. Dal punto di vista tecnico, però, non c’è dubbio che Khedira sarebbe quello che ci vuole per il Milan: Campione del Mondo con la Germania e d’Europa con il Real Madrid, è un centrocampista moderno, bravo sia ad attaccare che a difendere, farebbe certamente fare il salto di qualità che serve al centrocampo del Milan, senza considerare che ha ancora 27 anni.

Leggi anche:  Calciomercato Milan, per gennaio Maldini vuole un vice Ibra: ecco i tre nomi sul taccuino

TRE CENTROCAMPISTI PER IL MILAN: STEPHNAE MBIA (Siviglia)
Dopo essere passato da Rennes, Marsiglia e QPR, Mbia ha trovato la maturità calcistica a Siviglia, squadra con la quale ha vinto l’Europa League la scorsa stagione. Mbia, camerunese di 28 anni è probabilmente più fisico e meno tecnico di Khedira, ovvero quello che sarebbe il top-player per il centrocampo rossonero. Nonostante questo il tasso tecnico di Mbia è superiore al resto dei centrocampisti del Milan, a parte Montolivo, che però non ha certo la stessa fisicità del centrocampista del Siviglia. Mbia ha anche grosse capacità di inserimento, in questa stagione ha già segnato 6 gol in 16 partite, cioè uno ogni 197 minuti giocati. Mbia non è un giocatore molto spendibile dal punto di vista mediatico, ma certamente risolverebbe molti problemi tecnici e di personalità del centrocampo rossonero. Il giocatore, già in trattativa con il Milan la scorsa estate, potrebbe richiedere uno stipendio di 3 milioni l’anno.

Leggi anche:  Infortunio Ibrahimovic, si allungano i tempi di recupero: ecco quando potrebbe tornare in campo

TRE CENTROCAMPISTI PER IL MILAN: RAFAEL VAN DER VAART (Amburgo)
Van der Vaart è certamente il più tecnico dei tre centrocampisti che sarebbero adatti allo scacchiere rossonero del futuro. Ha un ruolo leggermente diverso rispetto a Khedira ed Mbia: Van der Vaart nasce trequartista, ha sempre giocato vicino alle punte, ma con il passare degli anni ha arretrato sempre di più la sua posizione fino a giocare centrocampista centrale, dove anche in questa stagione è stato impiegato più di una volta. L’olandese, 32 anni il prossimo 11 febbraio, ha giocato tredici partite in stagione con 4 gol e 2 assist. Oltre all’enorme tasso tecnico Van der Vaart potrebbe in dote carisma (è il capitano dell’Amburgo) ed esperienza internazionale. L’arrivo al Milan potrebbe completare definitivamente l’evoluzione tattica di Van der Vaart, rendendolo a tutti gli effetti un centrocampista centrale totale, sempre in grado di fornire prestazione adeguate anche a causa del basso ritmo di gioco e la poca fisicità della Serie A rispetto alla Bundesliga, dove gioca dal 2012 e dove ha già giocato dal 2005 al 2008, prima di passare al Real Madrid. Van der Vaart potrebbe richiedere un contratto intorno ai 3,5 milioni di euro annui.

  •   
  •  
  •  
  •