Inter,Thohir ora vende: Icardi e Handanovic via a giugno?

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

cats_27840_immagine_ts673_400Il Dg Marco Fassone è stato chiaro. Dai microfoni di Radiorai ha lanciato il grido d’allarme: ” Sacrifici inevitabili, a giugno, se non dovessimo centrare l’obiettivo della Champions League”. Il tam tam mediatico ha cominciato a suonare. C’è preoccupazione tra la tifoserie interista dopo le parole del Direttore Generale. In pratica stop agli acquisti. Ora la priorità è vendere. Per non innervosire l’Uefa e nel pieno rispetto del fair-play finanziario. L’Inter ha un ottimo rapporto con tutti gli organi calcistici internazionali e, a livello europeo, è una società che tiene molto all’immagine. Ecco quindi che, secondo indiscrezioni de La Gazzetta dello Sport,  i pezzi pregiati del mercato in uscita potrebbero essere il portiere Handanovic e l’attaccante Icardi, ovvero, i due giocatori che, forse, in questo momento, hanno più mercato nell’Inter. Il ragionamento del club è chiaro e semplice. Primo: un portiere valido si può sempre trovare (benché Handanovic stia facendo benissimo e nella considerazione di Mancini sia un ottimo elemento); secondo, Icardi viene considerato assai discontinuo, in preda ai suoi umori.

Forse ci si aspettava di più, in fatto di crescita, da questo ragazzo che ha alternato prestazioni super a momenti di pausa altrettanto frequenti. Insomma, la sensazione è che l’ Inter, avendo ora l’esigenza di vendere, consideri questi due giocatori come quelli più “sostituibili” della rosa. Ma di certo non sarà, eventualmente, una separazione indolore. I due giocatori sono idoli della folla e dopo gli acquisti faraonici di gennaio, eventuali cessioni a giugno verrebbero viste dalla piazza come un momentaneo addio ai sogni di gloria.

Ma il bilancio e la credibilità europea del club vengono messi al primo posto. Thohir è sempre stato un presidente oculato, mai il passo più lungo della gamba. E su questo anche Moratti è d’accordo. Sacrificare qualche pezzo pregiato per garantire all’Inter un futuro sempre roseo. Come dare torto alla società?

  •   
  •  
  •  
  •