Mercato Milan: Siqueira rifiuta, l’alternativa è Pasqual. In uscita Muntari ed Essien

Pubblicato il autore: Danilo Montefiori Segui

Siqueira

Non c’è pace per il Milan dopo la sconfitta interna di domenica contro l’Atalanta. Oltre alle voci che vorrebbero l’allenatore, Filippo Inzaghi, sottoposto al controllo di un tutor come Arrigo Sacchi anche il mercato Milan subisce uno stop, dovendo incassare il no di Siqueira ad un eventuale trasferimento in rossonero. La giornata di ieri ha fatto registrare una svolta nella trattativa tra Atletico Madrid e Milan, non tanto per la volontà del club di cedere o meno il giocatore, quanto per la reale intenzione di Siqueira di passare alla casacca del diavolo. È stato l’agente del giocatore, Alvaro Torres, a spiegare la situazione a milannews.it: “So che diversi club si sono interessati al ragazzo, magari anche il Milan, ed è normale perché parliamo di un ottimo giocatore. Ma posso dire con assoluta certezza che l’Atletico non ha alcuna intenzione di cederlo a gennaio, è un punto fermo della squadra ed è considerato un titolare a tutti gli effetti”.

Leggi anche:  Infortunio Ibrahimovic, si allungano i tempi di recupero: ecco quando potrebbe tornare in campo

Il mercato Milan dovrà, quindi, con tutta probabilità virare su altri obbiettivi. L’alternativa resta Manuel Pasqual, il terzino e capitano della Fiorentina è infatti in scadenza ed in rotta con la società viola e potrebbe arrivare subito senza esborsi economici. Tra l’altro ci sarebbe anche il gradimento del giocatore per l’operazione, fatto che faciliterebbe di molto la mediazione. Nel frattempo, in uscita, dopo gli arrivi di Suso e Cerci, si vagliano le possibile cessioni di Muntari ed Essien. Il primo ha estimatori negli Stati Uniti, paese sempre alla ricerca di nomi di richiamo. Il secondo ha richieste da Inghilterra e Spagna, in particolare dal WBA e dal Cordoba. Considerando anche la fresca cessione di Saponara, se dovessero concretizzarsi queste due operazioni il mercato Milan in uscita potrebbe dirsi concluso. Ma il problema resta quello in entrata.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: