Thohir piomba a Milano: Osvaldo, Leiva e Suarez i nodi da sciogliere

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

MARADONA A MILANODa Giacarta ha perfettamente sotto controllo tutta la situazione. Gestisce in prima persona tutte le operazioni, in stretto contatto con Mancini, Ausilio e Fassone. Si è complimentato con i suoi per la brillante riuscita delle operazioni Podolski e Shaqiri. Ma Erick Thohir vuole vederci ancora più chiaro e il 24 gennaio prossimo piomberà a Milano per sciogliere gli ultimi nodi del calciomercato interista. Il capitolo più spinoso riguarda Osvaldo. L’attaccante italo-argentino è in bilico. L’ultimo colloquio che il calciatore ha avuto nelle scorse ore con Roberto Mancini non ha sortito gli esiti sperati. La pace è ancora lontana da venire. Spetterà a Thohir, al momento del suo arrivo in Italia, l’ultima parola.

Il presidente sarà a San Siro per il match di campionato contro il Torino e poi si recherà ad Appiano Gentile, da dove metterà a punto definitivamente le ultime strategie di mercato. Il tycoon indonesiano, inoltre, sceglierà uno fra Lucas Leiva e Mario Suarez. Le trattative con Liverpool e Atletico sono state portate avanti negli scorsi giorni da Ausilio. Il presidente farà il punto della situazione e poi darà l’input al suo dirigente. Si punterà o sull’uno o sull’altro giocatore. Difficile che possano arrivare entrambi. Poi, tre cessioni. I nomi sono ancora top secret. Ma Icardi, Osvaldo, Juan Jesus e Handanovic non sono più nomi inamovibili. Difficile che oltre ad Osvaldo, possa tuttavia partire qualcuno nell’immediato. A gennaio l’Inter non vuole fare ribaltoni. A giugno se ne riparlerà. Possibili, come detto, tre sacrifici. Specialmente nel caso l’Inter non dovesse centrale il difficile obiettivo della Champions League. Per rientrare con il budget e nel pieno rispetto dei parametri economici impartiti dall’Uefa. Thohir è pronto a partire. Fra dieci giorni gli ultimi fuochi di un mercato davvero pirotecnico.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Lazio Yazici, il turco del Lille che fece tripletta al Milan piace molto a Tare