Calciomercato Milan: per la difesa preso Paletta, Munoz a giugno

Pubblicato il autore: Danilo Montefiori Segui

 

gabriel palettaAltro che giorni della merla. Per il Calciomercato Milan questi sono ormai i giorni del Condor. L’amministratore Delegato del Milan, Adriano Galliani, ha infatti chiuso ieri in serata una trattativa lampo per Gabriel Paletta. Il forte difensore del Parma si aggregherà subito in prima squadra ed è il sesto innesto di gennaio dopo gli arrivi di Antonelli, Bocchetti, Cerci, Destro e Suso. Con questo arrivo il calciomercato Milan chiude con il botto. Per l’ex difensore ducale è pronto un contratto di tre anni e mezzo (fino a giugno 2018) e per il Parma un indennizzo di circa 6-700mila euro. A dare l’ufficialità è stato l’allenatore dei gialloblu, Roberto Donadoni, che alla domanda sul mancato utilizzo di Paletta nella formazione titolare (per la partita proprio contro il Milan giocata ieri sera e terminata 3-1 per il Diavolo) ha detto: “Il Parma ha ceduto Paletta, ci hanno detto di tenerlo in panchina. Solo per questo motivo, altrimenti avrebbe giocato come ha sempre fatto”. Sono previste già per oggi le visite mediche dell’oriundo a Milano, che già dalla prossima partita di campionato sarà a disposizione di Mister Inzaghi.

Paletta, classe ’86, arriva al Milan dopo un esperienza di ben 4 anni e mezzo con la maglia del Parma. Precedentemente aveva vestito le maglie di Banfield, Liverpool e Boca Juniors.  Come 4 dei suoi 5 colleghi arrivati al Diavolo a gennaio è da considerarsi italiano (è di fatto un oriundo) avendo giocato per gli azzurri in 3 occasioni  ed essendo stato nei 23 dell’ultimo mondiale brasiliano. A questo punto, l’arrivo di Munoz dal Palermo slitterà probabilmente a giugno. Il centrale rosanero è in scadenza ed è già stato trovato un accordo per la prossima stagione: il suo arrivo sarebbe stato anticipato in caso di necessità. Inoltre, il presidente del Palermo Zamparini si è opposto a questa possibilità costringendo Galliani a virare su Paletta.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: