Calciomercato Milan, le verità di Pellegatti: Ancelotti, Ibra, Emery…

Pubblicato il autore: Salvatore Balistreri Segui

calciomercato milan

CALCIOMERCATO MILAN – Per il Milan l’estate del 2015 quasi sicuramente sarà quella della grande rivoluzione. Parecchi giocatori, infatti, sono in scadenza (De Jong, Pazzini, Abate, Abbiati, Mexès, Bonera ed Essien), e di questi soltanto un paio sarebbero sulla via del rinnovo (in particolare Abate e Abbiati). Alcuni potrebbero tornare alle proprie società (Van Ginkel, Destro e Bocchetti qualora non venissero riscattati) mentre altri, come Muntari, sono destinati a lasciare il club rossonero.

QUESTIONE ALLENATORE – Ma prima ancora dei giocatori, il ‘Diavolo’ deve risolvere la questione allenatore. Con l’avventura di Inzaghi che è giunta ormai al capolinea, in questi giorni si sono fatti parecchi nomi su chi potrebbe sedersi sulla panchina rossonera il prossimo anno. Inutile dire che tra tutti questi, che comprendono nomi come Sarri, Montella, Emery, Brocchi con Lippi coadiuvatore e ultimo, ma anche più importante, Carlo Ancelotti. I tifosi rossoneri, infatti, sognano il ritorno di colui che ha portato sotto il Naviglio due Champions League, un Mondiale per Club, due Supercoppe Europee, uno Scudetto e una Supercoppa Italiana in otto anni e 420 panchine con il Milan. 

Ai microfoni di ‘Mediaset Premium’ ha parlato della questione uno dei giornalisti più vicini nell’ambiente milanista, ovvero Carlo Pellegatti, che si è soffermato sulle dichiarazioni rilasciate nella giornata di ieri dallo stesso Ancelotti:Cosa penso delle parole dette da Ancelotti ieri sera (“il prossimo anno se non continuo con il Real Madrid penso di fermarmi”)? Vi posso assicurare che Ancelotti è rimasto spiazzato dalle parole di Berlusconi – ha ammesso il noto telecronista fazioso di Premium – che lo ha dato come prossimo allenatore del Milan qualora il Real Madrid decidesse di sostituirlo, per questo ha tenuto particolarmente a fare questa esclamazione.”

EMERY – Ma, come detto, non solo Ancelotti. Il calciomercato Milan per la panchina comprende anche il nome di Unai Emery, che alcuni media hanno dato proprio oggi come prossimo allenatore del club di Via Aldo Rossi. Pellegatti non la pensa proprio cosi: “Le mie fonti escludono questa possibilità in quanto sostengono vivamente che il prossimo allenatore del Milan sarà un italiano con tanta esperienza dietro.”

QUESTIONE GIOCATORI – Per quanto riguarda i giocatori, invece, Pellegatti auspica una vera e propria rivoluzione, chiudendo però le strade a un possibile ritorno di Zlatan Ibrahimovic: “Se si avvierebbe il progetto tanto decantato da Silvio Berlusconi di un Milan quasi tutto italiano, in rossonero gli unici stranieri che dovrebbero rimanere sarebbero Diego Lopez, Honda e Menez – dichiara con molta convinzione il giornalista – e penso che la prossima stagione vedremo parecchi giocatori nuovi al Milan. Ibra nuovamente in rossonero? Non credo sia un’idea fattibile, in quanto andrebbe a scontrarsi con l’idea di un Milan quasi tutto italiano.” 

  •   
  •  
  •  
  •