Bacca, è sfida Roma-Milan: gli aggiornamenti

Pubblicato il autore: Alessandro Marini Segui

baccaDuello di mercato tutto italiano per Carlos Bacca. L’attaccante colombiano del Siviglia è conteso da Roma e Milan che hanno avviato i contatti con la società andalusa. Sullo sfondo rimane l’ipotesi Premier League, con il Liverpool (che ha preso Firmino) pronto a pagare l’intera clausola rescissoria. Il ventinovenne, però, ha deciso: vuole l’Italia e nel giro di dieci giorni dovrebbe essere chiara la sua destinazione. La Roma ha messo gli occhi su di lui da sei mesi circa e una decina di giorni fa ha allacciato i contatti con il direttore sportivo del Siviglia Monchi, attraverso l’intermediario Ivan Ramiro Cordoba, per capire se c’erano possibilità di abbassare la clausola rescissoria fissata a 30 milioni di euro. La risposta del manager del Siviglia è stata secca: “Bacca sarà ceduto alla società che deciderà di pagare la clausola rescissoria per intero“. A questo punto la Roma, apparentemente visto che con il direttore sportivo Sabatini non c’è mai nulla di certo, si tira indietro. Una ritirata strategica, quasi sicuramente. E allora il Milan, che ha visto sfumare sul più bello l’altro colombiano più ambito d’Europa Jackson Martinez, prova ad approfittarne ed accelera improvvisamente: nessuna offerta di 30 milioni al Siviglia, ma 22 milioni cash ed il cartellino del difensore centrale Adil Rami, richiesto espressamente da Unai Emery.

Una mossa importante quella del club rossonero per Bacca. Galliani punta a chiudere addirittura entro l’inizio del ritiro, fissato per venerdì prossimo. Il giocatore colombiano ha inoltre manifestato il gradimento per Milano e per la società rossonera, nonostante il club di Via Aldo Rossi sia fuori dalle coppe europee il prossimo anno. Per Bacca, inoltre, il Milan sembra aver superato anche il Liverpool, la società in questo momento più temibile per la corsa al mattatore della scorsa finale di Europa League. Ma non è escluso che la Roma rilanci all’improvviso. L’impressione è che si deciderà tutto nel giro di una settimana, al massimo dieci giorni.

  •   
  •  
  •  
  •