Mercato Milan, dalla Francia sempre più sicuri: Ibra non rientra nei piani del PSG e Galliani…

Pubblicato il autore: Salvatore Balistreri Segui

mercato milan

MERCATO MILANZlatan Ibrahimovic ritorna al Milan? Difficile da dirsi viste le condizioni economiche garantite al 33enne nativo di Malmoe dal Psg e le recenti parole di Mino Raiola, che vede impossibile un ritorno di ‘Ibracadabra’ al servizio del club di Via Aldo Rossi. Ma in Francia, e in particolar modo nella redazione di ‘France Football’, quotidiano noto per la sua vicinanza al club parigino, continuano ad essere convinti che quella appena terminata potrebbe essere stata l’ultima stagione in cui Zlatan Ibrahimovic abbia indossato la casacca del club parigino, nonostante il contratto in scadenza nel 2016.

I PERCHE’ DELL’ADDIO – Oltralpe sono sempre più convinti che per poter vincere la Champions League Ibra è la persona meno adatta da cui ripartire, per due principali motivi: la non più veneranda età dello svedese, che a ottobre spegnerà le 34 candeline e di conseguenza non potrà garantire la costanza di prestazioni che può offrire un giocatore più giovane di lui (il tutto nonostante le 19 reti segnate nel campionato appena concluso); e la mancanza di un curriculum di successi europei di un certo calibro (è a quota zero come partecipazione alle finali di Champions League e di successi nella competizione continentale più importante) avendo raggiunto come massimo risultato la semifinale. Il tutto considerato che l’ex centravanti di Milan, Inter, Juventus e Barcellona guadagna qualcosa come 16 milioni di euro lordi a stagione.

PERCHE’ I ROSSONERI POSSONO SPERARE – Una delle possibilità che i francesi avrebbero per liberarsi di Ibrahimovic è aspettare la naturale scadenza del contratto, ma Al Khelaifi e soci, dopo aver speso 15 milioni per poterlo acquistare, sarebbero più che disposti a privarsi di lui per la stessa cifra. E qui il Milan potrebbe entrare in gioco. Sempre secondo l’organo di informazione francese, infatti, i rossoneri sarebbero in ‘pole’ per riprendere il giocatore e affidare a lui le redini del reparto offensivo, con Berlusconi che potrebbe cercare di convincere lo scandinavo a far ritorno a Milanello con un’offerta di 2/3 anni da 6/7 milioni di euro a stagione. Offerta che potrebbe essere recapitata a Ibrahimovic giorno 18 giugno, quando Ignazio Abate convolerà a nozze con la sua attuale fidanzata e alla cerimonia dell’evento saranno presenti sia l’attaccante del Psg che Adriano Galliani. Un’occasione unica per quest’ultimo di affrontare il tema e tentare l’affondo decisivo.

IL PRECEDENTE – E’ risaputo come l’unica cessione non effettivamente sponsorizzata da Ibrahimovic nella sua carriera sia stata proprio quella dal Milan avvenuta alla fine della stagione 2012/2013, ed è risaputo anche dell’amore che Ibra e la sua famiglia provano per l’Italia e per la città di Milano, e quindi non è da escludere l’ipotesi che lo stesso giocatore possa decidere, almeno per una volta, di mettere la questione economica in secondo piano e far prevalere il sentimento nella sua decisione finale. Ed è proprio a questo che i tifosi rossoneri si appigliano, con la speranza che un eventuale ritorno dello svedese e un mercato Milan di prima qualità possano ridare al club la stessa importanza ricoperta, in Italia e in Europa, nei primi vent’anni di gestione berlusconiana.

  •   
  •  
  •  
  •