Mercato Napoli: l’esito delle comproprietà

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

JorginhoMercato Napoli: le comproprietà – Nella giornata di ieri il calcio italiano ha detto definitivamente addio all’istituto delle comproprietà. A partire dalle 19.01 del 25 giugno infatti non è più possibile per le squadre del nostro Paese suddividere il cartellino di un proprio tesserato con un’altra società. Sono dunque state decise tutte le vicende legate ai calciatori in regime di comproprietà. Per il Napoli erano Jorginho, El Kaddouri, Dezi, Luperto e Andujar le più spinose. Vediamo come sono andate.

Il Napoli ha riscattato dal Verona Jorginho. Il regista brasiliano è dunque interamente dei partenopei per una cifra che si aggira intorno ai 3,5 milioni di euro. Esito buono dunque quello delle trattative con gli scaligeri, che hanno in Riccardo Bigon il loro nuovo direttore sportivo. L’acquisto del metodista veronese permette ora al Napoli di poter agire in due sensi: avere a disposizione Jorginho come alternativa reale e concreta a Valdifiori nel ruolo di regista, con l’italo-brasiliano che sicuramente potrebbe esprimersi meglio in un centrocampo a 3, come quello che dovrebbe proporre Sarri; la possibilità di inserire Jorginho come contropartita tecnica nelle trattative che vedono il club azzurro impegnato per l’acquisto di Darmian o Allan.

Il Napoli ha riscattato Dezi dal Crotone. Il centrocampista 23enne, dopo 2 anni con i calabresi, torna così alla società che l’ha lanciato nel calcio professionistico. Autore di un’ultima annata soprattutto da incorniciare, è improbabile però che il talentuoso ragazzo resti all’ombra del Vesuvio. Possibile rivederlo in prestito in Serie B.

Il Napoli ha riscattato Luperto dal Lecce. Il giovane centrale mancino classe ’96, nell’ultima stagione in campo con i salentini, è ora tutto degli azzurri, che ora dovranno decidere se destinarlo ad un altro prestito in Lega Pro o Serie B per farlo crescere ulteriormente o portarlo subito in prima squadra come quarto o quinto centrale della rosa di mister Sarri. Più probabile la prima opzione.

Il Napoli ha acquisito definitivamente le prestazioni del portiere argentino Mariano Andujar dal Catania. Le difficoltà societarie dei siciliani, dopo lo scoppio dell’ennesima indagine sul calcio scommesse lanciata proprio dalla Procura di Catania, ha impedito a Pulvirenti e soci di dedicarsi con attenzione e impegno alle comproprietà. Scontata dunque la permanenza del numero 1 dell’albiceleste a Napoli. Con l’arrivo di Reina però e il ritorno di Sepe, probabile che De Laurentis e Giuntoli provino a venderlo in questa sessione di mercato, anche per alleggerirsi del lauto ingaggio.

Il Napoli ha riportato a casa dal Torino Omar El Kaddouri. Era nell’aria il non riscatto dei granata per il trequartista ex Brescia, che diventa così ufficialmente un giocatore tutto del Napoli. 24 anni, di nazionalità belga ma di chiare origini marocchine, El Kaddouri ha ben giocato, ma non ha incantato negli schemi di Ventura. La sua situazione si fa ora complessa per lui, dato che sarebbe chiuso nel suo ruolo naturale dall’arrivo di Saponara o, a turno, da Mertens, Insigne e Hamsik. Possibile che si accontenti di fare panchina o che il club cerchi un’ennesima soluzione in prestito o la definitiva cessione.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: