Sinisa Mihajlovic è il nuovo allenatore del Milan

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Sinisa Mihajlovic è il nuovo allenatore del Milan

Sinisa Mihajlovic sarà il nuovo allenatore del Milan ed entro domani verrà fatto l’annuncio ufficiale. La decisione è stata presa ieri sera, dopo un incontro di tre ore con Silvio Berlusconi ad Arcore. L’esonero di Filippo Inzaghi non è stato ancora ufficialmente comunicato, però è atteso a breve e il primo colloquio con il presidente del Milan è stato positivo.

Ieri sera a cena ad Arcore c’erano Galliani, Mihajlovic, Silvio Berlusconi e la famiglia. Durante l’incontro si è parlato di calciomercato e della data della firma definitiva. Il contratto sarà probabilmente un biennale e Massimo Ferrero ha ironizzato sul suo ex allenatore, dicendo che in rossonero “si metterà il papillon”.

Il presidente della Sampdoria aveva provato a convincerlo a rimanere per un altro anno e l’avrebbe visto bene alla guida del Napoli, però Adriano Galliani è stato più veloce ed è riuscito ad accaparrarselo prima. Il compito di Sinisa Mihajlovic non sarà certo facile, perché dovrebbe riportare il Milan in alto dopo una stagione disastrosa. È noto che il serbo sa quello che vuole e non si lascerà condizionare da nessuno.

Sinisa Mihajlovic è nato in Croazia nel 1968 ed ha giocato a calcio fino al 1986 in squadre come Inter, Sampdoria e Lazio. È stato anche nazionale serbo collezionando complessivamente 426 presenze e 66 gol. Ha iniziato la carriera da allenatore nel 2006 sulla panchina dell’Inter come secondo di Mancini, per passare poi a Bologna, Catania e Fiorentina.

Era alla guida della Sampdoria da novembre 2013 ed ha annunciato il suo addio alla squadra il 1 giugno 2015 dopo aver concluso la stagione 2014-2015 al settimo posto con 13 vittorie, 17 pareggi e otto sconfitte. Mihajlovic in passato è stato accusato di avere delle idee estremiste. Nel 2012 quando era allenatore della Serbia ha escluso dalla squadra Adem Ljajić perché si era rifiutato di cantare l’inno nazionale e quando giocava a calcio è stato accusato di insulti razzisti e di ripetuti episodi di violenza ai danni di altri calciatori, come calci e sputi, a causa dei quali è stato anche squalificato più di una volta.

  •   
  •  
  •  
  •