Lazio: Milinkovic-Savic, identikit di un predestinato

Pubblicato il autore: Mauro Simoncelli Segui

milinkovic-savic

La telenovela dell’estate biancoceleste è finalmente giunta alla sua  conclusione: Sergej Milinkovic-Savic è della Lazio. Anche se non sono stati emessi ancora i comunicati ufficiali da parte delle due società il giovane giocatore serbo è atteso lunedì mattina a Roma per le rituali visite mediche di idoneità e poi si farà di tutto, burocrazia permettendo, per farlo imbarcare sul primo aereo con destinazione Cina e metterlo così definitivamente a disposizione di Mister Pioli. E’ stato lo stesso giocatore in una intervista ai media belgi a mettere la parola fine e annunciare il suo trasferimento: “Sono molto felice del mio trasferimento alla Lazio. La somma che il club mette sul tavolo è molto alta, forse troppo. Nemmeno quando sono diventato campione del mondo con la Serbia si sono raggiunte simili cifre”. Confermando poi che a breve è atteso a Roma per effettuare i test di routine e diventare a tutti gli effetti un calciatore biancoceleste: “Oggi mi sono recato all’ambasciata cinese per un visto. Lunedì sarò a Roma per le visite mediche e per firmare il contratto. Poi partirò per Shanghai.  Una trattativa infinita durata quasi due mesi, tra alti e bassi, smentite e prematuri annunci. La Lazio e soprattutto il diesse Tare ci avevano messo la faccia su questo probabile campione e quando domenica scorsa Sergej era sbarcato a Firenze non poche erano state le polemiche piovute sulla società laziale. Invece la Lazio aveva lavorato più che bene con il giocatore e il suo entourage, facendogli visitare Formello , assistere ad una partita della Lazio all’Olimpico della scorsa stagione, promettendo un robusto adeguamento di contratto al giocatore e soprattutto spiegargli bene che la società punta tantissimo su di lui per costruire un grande futuro con la nuova maglia tanto da investire 9 milioni di euro per acquisire il cartellino di un poco più che ventenne approdato solo un anno fa al Genk per poco più di 400000 euro!!! Il terzo acquisto più costoso dell’era Lotito dopo i 20 milioni spesi per Zarate e i 12 per Hernanes anche più costoso di Biglia e Felipe Anderson non proprio due a caso. Dopo il “rifiuto” di Firenze, la Lazio è ripartita all’attacco, un nuovo e questa volta decisivo blitz di Tare ha convinto definitivamente i belgi e la trattativa è andata definitivamente a dama. Nella nuova Lazio che cercherà di conquistare l’Europa che conta nel playoff di metà agosto, Milinkovic-Savic probabilmente sarà subito titolare.

Leggi anche:  Lazio Luiz Felipe si ferma: ha scelto di operarsi alla caviglia

Parolo-Biglia-Milinkovic ecco il centrocampo che verrà della Lazio bis di Pioli. Giocatore giovane ma molto duttile, in grado di fare bene entrambe le fasi di gioco. Sa difendere e impostare come presentarsi in zona gol per sfruttare i suoi cm e il suo tiro dalla grande e media distanze. Il prototipo del giocatore perfetto per Pioli. Parolo a  destra e Milinkovic-Savic a sinistra. Alto ben 190 cm e già molto strutturato fisicamente, sfrutta proprio il suo fisico per sradicare palloni agli avversari  e resistere ai contrasti e grazie ai piedi educati è anche in grado di ribaltare il gioco tanto da giocare più di una partita con la sua nazionale nel mondiale per club vinto in Nuova Zelanda addirittura da trequartista. PHOTONEWS_10534508-006Votato terzo miglior giocatore della manifestazione è risultato assolutamente elemento cardine della nazionale Serba salita sul tetto del mondo di categoria. Ma era stato già il suo campionato nel Genk in Belgio ad aver messo in luce tutte le sue doti. Quando dopo 6 giornate sulla panchina subentrava l’ex ct della Scozia Mc Leish, Milinkovic-Savic diventava titolare nel 4-4-2 attuato a quel punto dalla squadra belga, giostrando davanti alla difesa, realizzando 4 gol e contribuendo non poco al settimo posto finale alle soglie dell’Europa League conquistato dalla sua squadra al termine della stagione. Figlio d’arte, suo padre è stato un  buon  portiere e sua madre una discreta cestista, ha anche un fratello portiere già passato al Manchester United. Per uno strano scherzo del destino i due potrebbero anche trovarsi di fronte proprio nel playoff di Champions League, lo United infatti è uno dei probabili avversari della Lazio. Tutto è pronto per cominciare la sua nuova avventura. Lunedì è atteso a Roma, i tifosi hanno seguito con trepidazione l’estenuante trattativa, la società ha scommesso tanto su di lui. Il futuro biancoceleste gli appartiene.

  •   
  •  
  •  
  •