Torino: scambio Bruno Peres / Adem Ljajic?

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Torino: sambio Bruno Peres / Adem Ljajic?

Alla Roma piace Bruno Peres e vuole liberarsi di Adem Ljajic, uno scambio sarebbe possibile

Per completare la rosa del Torino, la dirigenza granata sta da tempo cercando un attaccante con caratteristiche ben precise, alla Roma piace Bruno Peres e vuole liberarsi di Ljajic: un’idea interessante che accontenti tutti sarebbe quella di fare uno scambio tra i due. Adem Ljajic nel 2013 ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2017, acquistato dalla Fiorentina per 11 milioni di euro più 4 di bonus ed è il giocatore che più probabilmente andrà via dalla Roma: granata e giallorossi potrebbero accordarsi sulla base di uno scambio.
Per il cartellino di Adem Ljajic la Roma vorrebbe 13 milioni di euro, troppi per urbano Cairo ma, considerando che anche Bruno Peres è sopravvalutato, l’idea di uno scambio potrebbe soddisfare le parti. Per il momento la situazione di calciomercato sulla scelta di una punta in casa granata è ferma, ma secondo il magazine online Torino Granata, la dirigenza avrebbe messo gli occhi su Adem Ljajic, che aveva già puntato nella scorsa stagione di calciomercato. L’attaccante serbo non rientra nei piani di Rudi Garcia, la Roma vorrebbe cederlo e il Torino è un candidato potenziale, anche perché ha Bruno Peres, che piace moltissimo alla Roma.

Leggi anche:  Europa League 2020/21, le probabili formazioni della quinta giornata

Urbano Cairo non vuole privarsi di Bruno Peres a meno di 15 milioni, anche se il suo attuale valore di mercato è di circa 10 milioni e lo stipendio dell’attaccante di 2 milioni, una cifra eccessiva per il patron granata. Un’ipotesi plausibile sarebbe quella di uno scambio tra i due giocatori, tuttavia, oltre all’aspetto economico vi sono altri ostacoli. Uno dei problemi principali è quello del carattere, considerando i trascorsi poco sereni che ha avuto Ljajic con il suo ex allenatore della Fiorentina Delio Rossi. Giampiero Ventura vuole un uomo che si adatti al suo gioco e che non rovini gli equilibri dello spogliatoio.

  •   
  •  
  •  
  •