Baldini lascia il Tottenham, c’è l’Inter?

Pubblicato il autore: Federico Montalto Segui

franco-baldiniE’ ormai di qualche settimana fa la notizia ufficiale della separazione tra Marco Fassone e l’Inter: l’addio dell’ex direttore generale nerazzurro ha modificato l’attuale struttura societaria, concedendo maggiori poteri a Javier Zanetti e a Micheal Bolingbroke, che adesso si occupa sia dell’area finanziaria che di quella tecnica. Tuttavia Erick Thohir è sempre alla ricerca di una figura in grado di poter rimpiazzare Fassone come direttore generale dell’Inter e, se fino a qualche giorno fa i nomi più accreditati erano quelli di Pierpaolo Marino o Giovanni Gardini, oggi è spuntata una nuova strada da percorrere che porta a Franco Baldini.

Il Tottenham, infatti, ha fatto sapere questa mattina, tramite un comunicato pubblicato sul sito ufficiale della società, di aver rescisso in maniera consensuale il proprio contratto come con la squadra inglese: “Franco era diventato il nostro direttore tecnico nel 2013 – si legge nella nota -, dopo l’esperienza nella Roma dove aveva ricoperto il ruolo di direttore generale. Ora ci lascia per trascorrere del tempo lontano dal calcio. Gli auguriamo il meglio”. Baldini è stato il fautore di alcuni grandi colpi di mercato del Tottenham negli ultimi anni, ma soprattutto si è reso protagonista della stratosferica cessione di Gareth Bale al Real Madrid, con cui gli Spurs hanno in caso ben 120 milioni. Per quanto riguarda il mercato in entrata, era riuscito a portare a Londra giocatori importanti come Erick Lamela, uno dei protagonisti delle ottime annate del Tottenham: nelle ultime due stagioni, infatti, gli Spurs hanno chiuso il campionato al quinto e al sesto posto, raggiungendo anche una finale di Coppa di Lega, poi persa contro il Chelsea con il risultato di 2-0.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Inter Bologna: diretta tv e streaming

Alla base della decisione di Baldini ci sarebbe la voglia di rimanere lontano dal calcio per un periodo di tempo, ma negli ultimi mesi il rapporto con il proprietario  del Tottenham, Daniel Levy, si era incrinato, creando  non poche divergenze anche nell’ultima sessione di mercato. Proprio per questo motivo l’Inter vorrebbe contattare immediatamente l’ex dg della Roma: quello di Baldini è un profilo che si adatterebbe perfettamente alle ambizioni di Thohir, un dirigente capace e con tanti contatti internazionali in grado di trattare anche grandi nomi, quelli che servono all’Inter per tornare grande. Il presidente nerazzurro non ha fretta ingaggiare un nuovo direttore generale, per questo motivo continuerà a prendersi del tempo per valutare al meglio le possibilità e prendere la decisione migliore per l’Inter. Baldini, comunque, è una possibilità concreta, per questo motivo si comincerà a parlare di un eventuale accordo sul piano tecnico ed economico. Quella italiana sembra essere una destinazione gradita allo stesso Baldini, anche se bisognerà valutare la sintonia con Zanetti e Bolingbroke, fattore ritenuto fondamentale da Thohir.

Leggi anche:  Inter, Condò: "Lukaku pallone d'oro? Candidato credibile"

In caso di arrivo all’Inter, Baldini avrebbe immediatamente un lavoro importante da svolgere. Con Thohir intenzionato ad investire sul mercato con acquisti importanti già a gennaio, l’ex dirigente del Tottenham dovrebbe subito occuparsi dei terzini: almeno uno tra Nagatomo e D’Ambrosio andrà via, per questo motivo si sta già pensando ai possibili sostituti. Si continua a tenere d’occhio Bruno Peres, ma la cifra chiesta dal Torino per l’esterno brasiliano è proibitiva, per questo motivo l’Inter sembra essere concentrata su altri obiettivi. L’alternativa è Sala del Verona, anche se in queste prime partite di campionato non sta convincendo la società nerazzurra. In uscita da valutare anche le situazioni di Montoya e Santon: lo spagnolo non è mai riuscito ad entrare in sintonia con Mancini e con i compagni, rendendo probabile un suo ritorno al Barcellona già nella sessione di mercato invernale, mentre l’ex Newcastle potrebbe lasciare Milano in caso di un’offerta.

Leggi anche:  Premier League, ritorno sugli spalti: dopo 9 mesi si rivedono i tifosi

In casa Inter la situazione relativa al nuovo direttore generale resta ancora in sospeso, ci vorranno alcune settimane prima che Thohir annunci il nome del sostituto di Fassone.

  •   
  •  
  •  
  •