Accordo Juventus-Chelsea: Cuadrado a titolo definitivo per 22 mln

Pubblicato il autore: Edoardo Evangelista Segui

cuadradoLa notizia secondo la quale Chelsea e Juventus avrebbero già raggiunto un accordo di massima per il trasferimento a titolo definitivo di Juan Cuadrado in bianconero trova conferme sempre più solide. L’indiscrezione, lanciata da diversi organi d’informazione italiani, ha trovato conferma stamane nelle pagine di diversi quotidiani d’oltremanica. Si parla di un accordo raggiunto sulla base di 22 mln di euro, con i quali la Juventus ha voluto cautelarsi dal possibile inserimento nella trattativa da parte di altri club italiani ed esteri,a fronte delle ottime prestazioni offerte dall’ala colombiana in questa prima parte di stagione.

La notizia è che le parti avrebbero deciso congiuntamente di anticipare la conclusione del trasferimento alla prossima finestra di mercato che si aprirà a gennaio, quando la Juventus verosimilmente cercherà di rimediare ad alcuni degli errori commessi nelle fasi finali della lunga, interminabile finestra estiva di mercato. Cuadrado, arrivato a fine agosto in prestito gratuito dopo la fallimentare esperienza maturata nel Chelsea di Mourinho a partire dal febbraio scorso, è divenuto rapidamente una pedina insostituibile nello scacchiere tattico su cui sta lavorando Allegri sin dalla netta sconfitta di Roma, il 2-1 del 30 agosto. Che sia 4-3-3 o 3-5-2, il tecnico livornese un posto a Cuadrado lo riserva sempre. Del resto con lui in campo dall’inizio la Juve non ha mai perso (due pareggi e quattro vittorie), mentre quando è partito dalla panchina, come negli scontri diretti di Roma e Napoli, la Juventus non solo ha perso, ma è sembrata molto più sterile e prevedibile nell’organizzazione della fase offensiva.

Leggi anche:  eSport, lo sport si sposta dal campo alla gamimg house

A Milano contro l’Inter, nel posticipo domenicale dell’ultimo turno di serie A, nei momenti di difficoltà e di confusione nell’impostazione della manovra, la squadra si è costantemente appoggiata sull’esterno sudamericano. Forse eccessivamente, considerato che i palloni che gli venivano scaricati hanno spesso impedito all’ormai ex giocatore del Chelsea di puntare l’uomo con spazio da attaccare davanti a sé, situazione che andrebbe creata con repentini cambi di gioco da un lato all’altro del campo per favorirlo nella ricerca dell’1 vs 1 e della superiorità numerica. La collocazione tattica di Cuadrado negli schemi di Allegri è ancora tutta da decifrare, così come l’identità di gioco della Juventus in generale. Anche stasera, però, per battere il Borussia Mönchengladbach e mettere un piede negli ottavi di finale di Champions League, Allegri e la Juventus ripartiranno da Cuadrado, una delle poche note liete della stagione vissuta finora dai bianconeri.

  •   
  •  
  •  
  •