Calciomercato Inter in tempo reale: Ljajic torna a Roma

Pubblicato il autore: Maurizio de Strobel Segui

calciomercato inter in tempo reale

Il calciomercato Inter in tempo reale non è mai fermo. Anche in questi mesi in teoria di “riposo”, in realtà ci si muove lo stesso, imbastendo trattative per il futuro, sia in entrata sia in uscita. Acquisti e cessioni che diventeranno ufficiali tra gennaio e giugno, ma sulle cui basi si lavora già adesso. E il primo nome in uscita del mercato Inter è quello di Adem Ljajic. Il serbo, infatti, non ha convinto Mancini, che non ne mette in discussione le qualità tecniche, ma quelle comportamentali. Ljajic vorrebbe giocare di più, ma il suo modo di far capire il proprio malcontento non è piaciuto a Mancini, che gli rimprovera una certa pigrizia negli allenamenti e, ultimo caso, una sorta di svogliatezza anche nell’atteggiamento prepartita, come nel riscaldamento a Marassi dove il serbo non ha certo brillato per impegno. Ecco perché, nonostante l’assenza di Jovetic, Mancini ha preferito far giocare Palacio, Biabiany e perfino Manaj, una sorta di punizione per Ljajic che a questo punto a fine stagione quasi certamente tornerà a Roma: l’Inter, infatti, non intende spendere gli 11 milioni necessari al riscatto.

Leggi anche:  Inter, Condò: "Lukaku pallone d'oro? Candidato credibile"

Calciomercato Inter in tempo reale: in partenza anche Montoya, D’Ambrosio e Nagatomo

Sulla lista dei possibili partenti, forse già a gennaio, ci sono anche Montoya, D’Ambrosio e Nagatomo. Lo spagnolo sino a questo momento non ha giocato neppure un minuto e un suo ritorno a Barcellona a questo punto diventa più che probabile. Stesso discorso per D’Ambrosio e Nagatomo: Mancini aveva spinto per una loro cessione in estate, non ritenendoli funzionali alla causa, ma entrambi si sono opposti alle destinazioni a loro trovate, rimanendo così da separati in casa all’interno dello spogliatoio nerazzurro. Adesso, però, hanno capito che se vogliono giocare è necessario fare le valigie e questa volta non si opporranno. Meglio giocare in una squadra non gradita che fare panchina o tribuna all’Inter.

  •   
  •  
  •  
  •