Napoli Cavani: “Tornare? Perché no?”

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

Napoli CavaniNAPOLI CAVANI – “Tornare a Napoli? Perché no”. Con queste parole rilasciate al Corriere del Mezzogiorno Edinson Cavani apre ad un clamoroso ritorno in maglia azzurra nel futuro. Il matador, che con il Napoli ha collezionato la bellezza di 104 gol in 138 partite giocate, tra campionato, Champions League, Europa League e Coppa Italia, diventando il terzo miglior marcatore di sempre della storia partenopea, a -3 da Sallustro e a 11 reti da Diego Armando Maradona, non ha mai dimenticato Napoli e i napoletani. “Mi piacerebbe ritornare dove ho vissuto tre stagioni fantastiche, che mi hanno poi permesso di essere ora a Parigi” ha spiegato l’uruguayano, che poi non ha nascosto di seguire tutte le partite degli azzurri “Ho sempre guardato il Napoli in tv compatibilmente con gli impegni di allenamento e con la contemporaneità delle partite. A Napoli ho ancora parecchi amici, è una città che resta nel mio cuore“. Quindi ha già dimenticato i fischi del San Paolo quando è tornato con la maglia del Paris Saint Germain da avversario? “Sono stati fischi d’amore“.  Insomma, parrebbe proprio di sì.

Leggi anche:  Gomez-Fiorentina, una scelta che accontenterebbe l'Atalanta. Ecco perché

NAPOLI CAVANI – La stagione del Napoli quest’anno non era partita benissimo, poi è cambiata grazie a mister Sarri, che ha finalmente deciso di adattare il suo modulo di gioco ai calciatori e non viceversa. Cosa ne pensa Cavani? “Confesso: quest’anno mi sto appassionando, provo molto piacere a vedere la squadra che gioca bene, diverte e fa risultato“. E se fosse l’anno giusto per lo scudetto, l’unica cosa che è realmente mancata al Napoli di Cavani? “Credo che il Napoli possa tranquillamente lottare per il vertice della classifica, ha grandi campioni in squadra e poi un’organizzazione di gioco che mi piace molto. Mi auguro di cuore che possa essere l’anno giusto. Gioca meglio di tutte le altre concorrenti“.

Infine, per punzecchiarlo un po’, una domanda cattiva sul paragone con Higuain: “Siamo giocatori diversi, non credo si possa fare il paragone. E’ un fuoriclasse, il Napoli ha il centravanti straniero più forte che c’è in Italia. A chi fa paragoni dico: coccolate Higuain, è fortissimo“.

  •   
  •  
  •  
  •