Scuffet: “Ho preferito andare dove posso giocare. Nessun contatto con la Roma”

Pubblicato il autore: Lorenzo Matricardi Segui

Scuffet

Nonostante abbia solamente 19 anni, Simone Scuffet ha attirato le attenzioni di numerosi club importanti e già da un paio di anni è diventato uno dei portieri più ambiti in ottica futura. Nell’estate nel 2014 il portiere dell’Under 21 italiana ha addirittura rifiutato un’offerta dell’Atletico Madrid, che voleva farne l’erede di Courtois, tornato al Chelsea dopo due anni di prestito.

Consigliato anche dai suoi genitori Scuffet ha deciso di rimanere in Italia per terminare gli studi e ritagliarsi il proprio spazio in una dimensione più ristretta, ma dove possa avere la possibilità di crescere con maggiore calma dal punto di vista professionale. La scorsa estate il giocatore, di proprietà dell’Udinese, si è trasferito in prestito al Como, allenato da Carlo Sabatini, fratello del ds della Roma Walter Sabatini.

Leggi anche:  Roma, Fonseca: "La squadra gioca bene e vince".

Durante la sessione di calciomercato erano dunque circolate voci secondo le quali i giallorossi avessero ottenuto dal club friulano un’opzione per un futuro acquisto del giovane Scuffet. In una recente intervista al Corriere dello Sport è stato il diretto interessato a mettere in chiaro la situazione, spiegando inoltre quali sono le sue ambizioni e le sue aspettative.

Queste le parole di Scuffet: “Al momento sono molto concentrato sulla stagione in corso. L’interesse dei grandi club è un onore, ma bisogna fare delle scelte. Ho preferito andare in una piazza che crede in me e dove posso giocare almeno 40 partite. La Roma? Nessun contatto, ma un altro anno in panchina non sarebbe stato il meglio per me”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: , ,