Juve, parte la missione per Lavezzi. A gennaio si chiude?

Pubblicato il autore: Simone Braconcini

lavezzi-750x422Dodici novembre, parte la missione della Juve per arrivare a Ezequiel Lavezzi. Marotta ha deciso che non c’è più tempo da perdere. Vuole il giocatore e inizia a muoversi con decisione. E lo fa alla luce del sole. Marotta non teme nulla e nessuno, sa che la sua Juve ha un grande appeal ed è decisissimo a riportare Lavezzi in Italia. Alla Juve è già tutto pronto per il Pocho. Lavezzi doveva arrivare alla Juve già qust’anno, in estate, dopo l’addio a Carlitos Tevez.

Poi non se ne è fatto più nulla, perchè Lavezzi era”schiavo” di un contratto milionario che lo legava al Psg. Ma ora le cose potrebbero cambiare: Lavezzi è in scadenza e già a febbraio prossimo, potrebbe scegliersi una nuova squadra. Marotta sa che questo è il momento di agire. I dirigenti del Psg abbasseranno le pretese, in virtù dell’imminente scadenza contrattuale. Lavezzi ora può davvero arrivare alla Juve. Forse già da gennaio. E la Juve accelera per averlo proprio fra un paio di mesi. Piazzando l’offerta giusta al Psg, senza svenarsi, senza cifre folli.

Leggi anche:  Asta di Riparazione Fantacalcio, i giocatori da acquistare: ecco i consigli, top e sorprese!

Sarebbe un’operazione clamorosa, ma non del tutto impossibile. Anzi. Alejandro Mazzoni, manager storico del Pocho, riceve una telefonata al giorno da Marotta. Il Dg della Juve scende in campo in prima persona e tratta direttamente con l’entourage del giocatore, sicuro che non sarà un problema trovare l’accordo economico con Lavezzi, che ha già fatto sapere che lui, alla Juve, verrebbe di corsa. Il braccio di ferro con il Psg continua.

I francesi non vorrebbero privarsi di Lavezzi prima della fine della stagione, la Juve, invece, vuole Lavezzi già da gennaio. Però il Psg capisce anche bene che, se cedesse Lavezzi solo a fine stagione, non ricaverebbe nulla dal suo addio. La Juve, quindi, ha il coltello dalla parte del manico. Marotta gongola. Ed è pronto, in questi giorni, a sferrare l’attacco finale.

  •   
  •  
  •  
  •