Mancini corteggia Mertens. Per la difesa punta su Vlaar

Pubblicato il autore: Ilaria Ceracchi Segui

Fotor_144741002007282-1
Mertens. In vista del mercato invernale, si cercano rinforzi in casa Inter, che corteggia, o meglio dire, ricorteggia Dries Mertens. Secondo quanto pubblicato stamattina dalla Gazzetta dello Sport, pochi giorni fa il ds Piero Ausilio ha incontrato a Milano gli agenti dell’attaccante belga, il cui contratto con la squadra partenopea è in scadenza nel 2018. Non è una sorpresa, dato che già in estate la società nerazzurra, su richiesta di Mancini,  aveva manifestato interesse per il calciatore, trovando il no di Aurelio De Laurentiis. Non si tratta di una trattativa facile, in quanto il Napoli non sembra intenzionato a liberarsene e il prezzo di cartellino è molto alto. L’inter ha già fatto un mercato molto ambizioso sia in estate sia a gennaio scorso, pertanto un prezzo troppo oneroso costituirebbe un bell’ostacolo per il  passaggio di Mertens dal Napoli all’Inter. Inoltre, perché De Laurentiis dovrebbe cedere un giocatore del calibro di Mertens ad una squadra rivale per la corsa allo scudetto? Domanda più che lecita, Mertens andrebbe senz’altro a rinforzare la squadra di Mancini: quest’anno non ha mai giocato 90 minuti di fila in campionato, eppure ha messo a segno 4 goal.
Tuttavia, per abbassare il prezzo e giungere ad un compromesso si potrebbe inserire nella trattativa uno scambio; in caso di accordo, l’Inter ha promesso un ingaggio di 2 milioni a stagione. Per ora, si tratta solo di supposizioni e di ragionamenti astratti: solo Gennaio, come sempre, potrà confermare o smentire quanto detto.
Vlaar. Ranocchia è vicinissimo all’addio e mister Mancini crede che il difensore centrale olandese Ron Vlaar possa essere un valido sostituto. Mancini lo conosce dai tempi dell’Aston Villa, squadra di cui è stato capitano. È certo, che l’olandese non sarebbe titolare, viste le ultime prestazioni di Murillo e Miranda. Malgrado ciò,  potrebbe essere un buon rinforzo e una valida alternativa per la difesa interista. Ancora una volta, si tratta solo di voci, niente di concreto. Vedremo.

  •   
  •  
  •  
  •