Barcellona Braida intervista: “Bernardeschi non ci serve, solo due in serie A…”

Pubblicato il autore: Edoardo Evangelista Segui

Barcellona Braida intervista
Barcellona Braida intervista: “Bernardeschi non ci serve, solo due in serie A…”.
Ariedo Braida si è concesso alla Gazzetta dello Sport per una breve intervista, nella quale ha parlato del momento del Barcellona e di alcune strategie di mercato. In primo luogo ha voluto chiarire perentoriamente quanto si trovi bene al Barcellona. Il club catalano, campione d’Europa a giugno, sta vivendo un’altra stagione straordinaria. Nonostante l’1-1 con cui si è fatto raggiungere nel finale al Mestalla di Valencia, i blaugrana sono primi in Liga a +2 e +4 rispettivamente su Atletico e Real di Madrid, mentre in Champions League il primo posto nel girone è già storia.
Il clima è ottimo a Barcellona, la squadra sta facendo cose meravigliose e speriamo continui“, afferma Braida.

Barcellona Braida intervista: “Bernardeschi non ci serve, solo due in serie A…”.
Il consulente del Barcellona per il mercato estero è senza alcun dubbio uno degli elementi più rimpianti nell’ambiente Milan, nel quale ha lasciato un grandissimo ricordo e dove lo riaccoglierebbero a braccia aperte molto probabilmente. Per Braida, però, si tratta di un capitolo definitivamente chiuso, con tanto di ringraziamenti per i bei momenti passati insieme ed i grandi traguardi raggiunti: “Sono stato benissimo al Milan per tanti anni. Ma arriva il momento in cui un capitolo finisce. Qui a Barcellona sto benissimo. Ringrazierò per sempre Berlusconi e Galliani, ma il presidente (Bartomeu, ndr) mi ha già comunicato che vuole che io resti qui e quindi penso che resterò al Barcellona“, precisa Braida, respingendo sul nascere qualsiasi tipo di abboccamento. Del resto, lasciare un club come il Barcellona in questo momento appare nient’altro che una follia.

Leggi anche:  Lazio De Paul, nuovo nome per la trequarti biancoceleste: piace il 10 dell'Udinese

Barcellona Braida intervista: “Bernardeschi non ci serve, solo due in serie A…”.
Braida si sofferma poi su alcune questioni legate al mercato. Nel corso della settimana passata, alcune sue parole avevano scatenato titoli di giornale inneggianti ad un concreto interesse del Barcellona per Federico Bernardeschi. Braida aveva ammesso di essere stato a Basilea in coincidenza con la partita di Europa League tra gli svizzeri e la Fiorentina. Nonostante avesse spiegato come si trattasse di un incontro tra amici, che ruotava attorno ad altri temi rispetto alla presunta necessità di visionare Bernardeschi (il Barca ha un’ampia squadra di osservatori indipendenti da Braida), le voci su un possibile trasferimento in Catalogna del talento classe ’94 si erano susseguite vivacemente.
Ho fatto un viaggio a Basilea perché il d.s. è interessato a dei nostri giocatori della seconda nostra squadra e poi ho visto la partita – spiega Braida –. È un buon giocatore ed un ragazzo che ha talento, è apprezzato ma non vuol dire nulla, non ci serve, abbiamo un numero sufficiente di giocatori in quel ruolo, non è uno di quei giocatori che potrebbe interessare a noi“.

Leggi anche:  News mercato Fiorentina, l'esperto di mercato Paganini: "Duello Piatek-Milik per l'attacco"

Barcellona Braida intervista: “Bernardeschi non ci serve, solo due in serie A…”.
Non senza quel pizzico di schiettezza che rischia di apparire come una presunzione di superiorità, Braida ricorda come in funzione del livello attuale della serie A, praticamente nessun giocatore militante nel campionato italiano possa servire al Barcellona. A parte forse Higuain e Pogba, anche se Braida non si sbilancia fino a fare nomi in questo senso: “Di giocatori di grandissimo livello in A ce ne sono pochissimi. Se volessimo fare una scelta per poter migliorare la nostra squadra forse in Italia ci sarebbero uno, due o tre giocatori“, questo il parere di Braida.
Infine il dirigente del Barcellona torna sulla curiosa situazione che riguarda Montoya, che a Milano sponda nerazzurra sta vivendo un’esperienza a dir poco fallimentare. Zero minuti in campo in partite ufficiali finora, ed un riscatto legato alle presenze che verosimilmente non si concretizzerà mai. Mancini lo ha immediatamente bollato come inadatto e Braida sembra sorpreso di ciò: “È un giocatore molto buono e non capisco come non riesca a trovare spazio, probabilmente Mancini ha altre idee, ma il giocatore è molto apprezzato in Spagna e molti club lo vorrebbero con loro“, conclude Braida.

  •   
  •  
  •  
  •