Calciomercato Juve: i gioielli non si toccano e…in arrivo un centrocampista

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta

Giuseppe Marotta, direttore generale della Juventus

E finalmente è arrivato il Natale. Sembra quasi il titolo di un film in casa Juve: da quando è iniziata la Serie A Tim non dicevano altro i bianconeri (“vedremo a Natale). Eppure, un Natale cosi la Juve se l’aspettava, se non altro per un inizio che più nero non si può; come, del resto, il funambolico finale di Carpi. Ma qui la Juve ci arriva con un’altra testa rispetto al disastroso inizio di stagione (almeno in Italia). Lo stesso Claudio Marchisio, in un’intervista rilasciata a La Stampa, fa autocritica: “Un pezzettino di carbone lo darei a tutti quanti, perché a inizio campionato siamo mancati tutti. Ci siamo messi sotto, abbiamo lavorato e siamo riusciti a tornare nella posizione che volevamo, almeno a questo punto del campionato. L’abbiamo mangiato subito questo pezzo di carbone, adesso ci meritiamo un regalo”.

La risposta nasce spontanea (pedalare) ma a Natale siamo tutti più buoni, e di certo ci penserà Allegri a fargli il regalo. La Società Juve, tirato come tutto il popolo bianconero un sospiro di sollievo dopo il Bonucci show, pensa ora al da farsi, e sta seriamente prendendo in considerazione la proposta di Marchisio (chissà se arriverà il regalo per questa Juventus). Rugani e Zaza, freschi eroi del derby in Coppa Italia, non si toccano. Sirene inglesi e il Napoli continuano il pressing sui due talenti juventini, ma i dirigenti della Vecchia Signora alzano il muro. Max Allegri li ha utilizzati col contagocce, poco il centravanti mentre etereo l’uso di Rugani, ma le iniezioni di fiducia sono arrivate per tutti e due: il primo con la prima doppietta in bianconero, il secondo per la fiducia avuta in una partita delicata.

Leggi anche:  Champions League, dove vedere Juventus-Maccabi Haifa: streaming e diretta tv Amazon Prime o Sky?

Intanto, per gennaio, Beppe Marotta e Fabio Paratici sono alla ricerca di un centrocampista di valore. Non è cosi scontato che arrivi, anzi, ma se arrivasse un’occasione, o un investimento mirato, qualcuno potrebbe arrivare. Restano i punti interrogativi su Sami Khedira e sulle sue continue ricadute, non certo sul valore del giocatore, tra i migliori ogni volta che scende in campo. L’altro centrale, il francese Mario Lemina, rimane ancora un’incognita tanto che in Francia si chiedono se tornerà al Marsiglia. E Hernanes sembra giocare sempre fuori ruolo al momento. Su Lavezzi, invece, si attendono notizie, visto che a giugno è svincolato, quindi il Paris Saint-Germain dovrebbe liberarlo subito, altrimenti l’operazione non andrebbe a buon fine.

Per la mediana i nomi più gettonati restano sempre gli stessi: si parla tanto di Gundogan, obiettivo quasi impossibile a gennaio sia perché il giocatore sembra tornato al cento del progetto del nuovo tecnico Tuchel, ma anche per la richiesta di 30 milioni per il cartellino. C’è poi il nome di Arien Rabiot, voglioso di cambiare aria e trovare più continuità di gioco, ma il Paris Saint-Germain lo terrà, considerato uno dei giovani centrocampisti più interessanti del panorama europeo. L’ultimo nome è a Siviglia, Ever Banega, già incontrato nei gironi di Champions League. L’argentino ha un contratto in scadenza il prossimo giugno e l’operazione potrebbe essere ulteriormente facilitata dai buoni rapporti tra le due squadre, per via dell’operazione Llorente (passato al club spagnolo a titolo gratuito). L’affare, dunque, si potrebbe chiudere sulla base di 2 milioni di euro. Staremo a vedere.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: