Intervista ag. Lavezzi: “Vuole l’Italia, Napoli prima scelta ma De Laurentiis…”

Pubblicato il autore: Edoardo Evangelista

Intervista ag. Lavezzi
Intervista ag. Lavezzi: “Italia nostalgia canaglia”.
Alejandro Mazzoni, l’agente di Ezequiel Lavezzi, è intervenuto ai microfoni di Radio Crc nel programma “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma, per parlare del Napoli e della situazione del suo assistito, oggetto del desiderio di tanti club italiani ed esteri. Il contratto dell’argentino scadrà al termine dell’anno e complici i logorati rapporti con l’allenatore del PSG Laurent Blanc, è altamente probabile un suo trasferimento anticipato alla sessione invernale che si aprirà tra poco più di venti giorni. “Lavezzi è in scadenza di contratto e ha nostalgia dell’Italia, un suo ritorno in Serie A è una possibilità”, afferma Mazzoni, alimentando le speranze dei tanti estimatori che il Pocho vanta in Italia.

Intervista ag. Lavezzi: “Verrebbe di corsa a Napoli se non fosse per De Laurentiis”.
Nell’ultimo anno e mezzo si è parlato a più riprese della possibilità di un suo ritorno nella piazza che lo ha lanciato nel grande calcio europeo, quella di Napoli. Da qualche mese a questa parte, però, l’ipotesi da concreta si è fatta più sfumata, complice la volontà manifestata proprio a Mazzonidal presidente azzurro Aurelio De Laurentiis. “La prima scelta per un ritorno in Italia è sempre stata il Napoli ma vista la volontà del presidente vederlo in azzurro non è una possibilità – spiega l’agente di Lavezzi -. De Laurentiis è sempre stato chiaro sul non volere un ritorno del Pocho a Napoli. Il presidente probabilmente preferisce una squadra più europea che sudamericana”, immagina Mazzoni.

Leggi anche:  Skriniar sempre più lontano da Milano: lo scenario

Intervista ag. Lavezzi, il Barcellona resta una possibilità.
L’Italia resta comunque una delle prime se non la prima in assoluto tra le destinazioni più gradite a Lavezzi per chiudere la sua carriera in Europa. Si è parlato molto del Barcellona, con Luis Enrique che avrebbe fatto il nome del Pocho oltre a quello dell’ex Nolito, oggi al Celta Vigo, per rinforzare il reparto d’attacco permettendo a Suarez, Neymar e Messi di risposare quando necessario. Le ultime indiscrezioni, però, vedrebbero la dirigenza catalana orientata a limitarsi ai programmati innesti di Aleix Vidal ed Arda Turan, con la candidatura di Nolito, autentico pupillo del tecnico asturiano, più sfumata sullo sfondo. Ad osteggiare un suo trasferimento in Italia, come precisa Mazzoni, gioca un ruolo decisivo la rivalità di classifica e anche esterna al campo tra Napoli da un lato, Inter, Milan e Juventus dall’altro. Per la piazza partenopea sarebbe difficile accettare di buon grado o anche solo con indifferenza un approdo del Pocho a Torino e Milano. Già in passato, inoltre, questo tipo di considerazioni hanno frenato la volontà di Lavezzi di tornare in Italia.

Leggi anche:  Il Chelsea piomba su Dumfries, pronta la maxi offerta. L'Inter cerca già il sostituto

Intervista ag. Lavezzi: “Le destinazioni italiane sono difficili da accettare per i tifosi napoletani”.
“La prima scelta per un ritorno in Italia è sempre stata il Napoli – osserva l’agente di Lavezzi – ma vista la volontà del presidente vederlo in azzurro non è una possibilità. Napoli rimane la seconda casa di Lavezzi, vediamo cosa succederà in futuro. Credo che rimarrà fino a giugno al Psg, poi vedremo cosa scegliere. Oggi le uniche 2, 3 squadre che possono prendere Lavezzi in Serie A hanno una forte rivalità con il Napoli e vederlo da avversario non deve essere bello per la tifoseria azzurra”, ammette Mazzoni.
L’agente di Lavezzi si è poi soffermato sul momento attraversato dal Napoli, reduce dall’inattesa sconfitta di Bologna che è immediatamente costata quel primo posto in classifica a lungo rincorso dai ragazzi di Sarri. “Credo che il Napoli abbia una squadra fortissima – il parere di Mazzoni – ma diversa da quella di qualche anno fa che era più sudamericana. Credo che il Napoli abbia tutto per vincere lo Scudetto, le partite come quella contro l’Inter si vincono proprio perché si può arrivare in alto“. Infine un’altra battuta sul rapporto col presidente, con la quale il procuratore argentino sembra escludere contatti di mercato con De Laurentiis: “Non ho avuto contatti con il presidente, sto sentendo altre società per alcuni giocatori”.

 

  •   
  •  
  •  
  •