Torino sul mercato: Denis e Monachello nel mirino

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi

La sconfitta nel derby in Coppa Italia ha lasciato grossi strascichi nel Torino, che ha visto anche la sconfitta in campionato operata per mano dell’Udinese di Colantuono, squadra non certamente irresistibile che ha però espugnato l’Olimpico, gettando ancora più nel baratro la situazione, specialmente i rapporti con i tifosi che non sono certamente idilliaci, tanto da spingere il presidente Cairo a muoversi sul mercato per rinforzare la squadra e potersi prepotentemente rilanciare dopo le festività.
L’Atalanta nel mirino del Torino

torinoIl Torino che si è visto sia contro la Juventus che contro l’Udinese è stato visto stanco, forse privo di risorse che potessero subentrare garantendo gli stessi livelli dei titolari. Sotto processo è senza dubbio l’attacco, a iniziare da Fabio Quagliarella, indiscusso top player granata ma che non sta trovando la porta ultimamente, cosa di basilare importanza per una squadra che ha il serio problema del goal. In seconda linea va considerata la situazione di Belotti, giocatore di talento che può dare molto ma che sembra avere il freno a mano tirato. In secondo piano Maxi Lopez, forse il giocatore che chiede più spazio ma anche quelloc he sta dando meno garanzie, tutto questo per specificare come occorre necessariamente mettere mano al portafoglio e quindi muioversi sul emrcato per affiancare a Quagliarella, leader indiscusso, un compagno che possa aiutarlo nello scardinare le difese avversarie. Da qualche giorno gira il nome di Gaetano Monachello dell’Atalanta, nonché pilastro della nazionale giovanile, che darebbe nuovo lustro e fluidità a una manovra offensiva che non riesce a decollare. L’unico ostacolo riguarderebbe la poca esperienza del giovane calciatore, che forse troverebbe problemi in un ambiente che cerca dei punti fermi più che una promessa. L’alternativa a Monachello è stata rintracciata sempre a Bergamo nell’Atalanta, ed è rappresentata da Denis, attaccante di peso e senza dubbio di sostanza che potrebbe ben amalgamarsi con Quagliarella e garantirebbe un certo epso in attacco.

torinotorinoAnche il centrocampo ha bisogno di ritocchi, e si pensa ad Alberto Grassi, sempre dell’Atalanta, che rappresenterebbe l’uomo giusto per il centrocampo di Ventura. Il giovane lanciato da Edi Reja ha l’estro ideale per dare fluidità all’impostazione di gioco, cosa che manca in questo momento alla squadra granata. Gli altri nomi che circolano sono Luca Cigarini, senza dubbio mediano di esperienza e di doti indiscutibili, e Valdifiori, uno dei pupilli di mister Sarri che però non riesce a trovare spazio nel prodigioso Napoli.

Soddisfazioni per Ventura

torinoSenza dubbio servono dei ritocchi, e gli uomini presi in considerazione possono seriamente fare a caso del Torino di Ventura, che merita dia vere a disposizione una squadra che possa regalare sia a lui che alla città grandi soddisfazioni e gioie che mancano ormai da decenni. I tifosi del Toro meritano infatti di tornare al più presto nel calcio che conta, o almeno in Europa League, dove poter aver l’opportunità di farsi vedere nuovamente in Europa e di arricchire la propria bacheca con nuovi trofei.

Certo l’accostamento alla Juventus è pesante, specialmente perché la metà di Torino bianconera continua a collezionare trofei, ma il cuore granata non è una cosa che si può ereditare, e la classe e la passione sportiva legata al Toro rimangono tra le più belle del mondo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: