Calciomercato live. Quagliarella: Inter, Udinese, Samp o Toro?

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

quagliarella
Fabio Quagliarella
è uno dei tanti rebus di questo mercato. Il gol al Napoli ha stravolto tutto, un gol che si è rivelato un autogol imperdonabile, la tifoseria granata si è sentita umiliata dal gesto dell’attaccante. Il bomber campano ha passato le ultime settimane a scrivere lettere e a chiedere scusa per aver precedentemente chiesto perdono per una sua rete. Un paradosso, una situazione quasi comica.
Le scuse sono state apparentemente accettate e ora vige un clima di insensata normalità, una normalità che in realtà non esiste. Quagliarella è relegato alla panchina, gli ultimi tre match li ha passati guardando Immobile e Belotti scambiarsi gol e assist, insomma anche un po’ di sfortuna per il bomber granata che ha scelto il periodo peggiore per autoescludersi.
Ventura glissa sul caso e parla di un affaticamento al polpaccio, mentre il calciatore non si esprime. Meglio star zitti e non alimentare nuovi polveroni, visto il caos delle ultime settimane.
Ma adesso che ne sarà di Quagliarella? Tante le voci, poche le certezze. Il mercato è un puzzle, un effetto domino: il destino di Fabio è legato a doppio filo a quello di Eder. Se l’italo-brasiliano dovesse abbandonare la Lanterna per la nebbia milanese, allora si aprirebbero le porte di un ritorno impensabile, anche se Ferrero è imprevedibile e pirotecnico: in questo senso la pista Pato non è da scartare.
E se Eder non dovesse partire? Quagliarella all’Inter? Ipotesi da valutare, anche se Mancini spera di convincere il bomber doriano. Nel frattempo l’Udinese resta alla finestra.
I giorni passano veloci e chiudere una trattativa non è mai facile, vedi Perotti, per questo la permanenza in maglia (panchina) granata è l’idea più concreta. Il modo peggiore per chiudere un idillio rottosi all’improvviso, dopo un gol. Il trentaduesimo in un anno e mezzo, perché Quagliarella gol ne ha fatti, come sempre. Gol pesanti e reti spettacolari. Quagliarella è un arcobaleno magico che si insacca in rete da quaranta metri.

Paolo Bellosta

  •   
  •  
  •  
  •