Calciomercato, Roma: in attacco è sempre rivoluzione. Tutti gli attaccanti di Walter Sabatini

Pubblicato il autore: alessandro oricchio Segui

timthumb

23 attaccanti in cinque anni. Tanti sono i giocatori offensivi ‘spostati’ dal direttore tecnico della Roma Walter Sabatini durante questi cinque anni di lavoro nella Capitale. 23 attaccanti che hanno varcato l’ingresso di Trigoria e, nella maggior parte dei casi, ne sono usciti dopo una sola stagione con la maglia giallorossa. Sono pochissimi quelli che sono riusciti a rimanere nella Capitale più di due stagioni. Ecco tutti gli attaccanti comprati e venduti da Sabatini dall’inizio del suo incarico con la Roma nell’agosto 2011.

Stagione 2011-2012

La Roma cambia proprietà: a Rosella Sensi subentra una cordata americana capitanata da Thomas Di Benedetto. Cambiano pertanto tutti i vertici societari: arrivano a Roma Franco Baldini, nominato direttore generale e Walter Sabatini, che occupa il posto lasciato vacante da Daniele Pradé, diventando così il nuovo direttore sportivo della società giallorossa. Nel suo primo anno di incarico Walter Sabatini decide di rivoluzionare completamente l’attacco della Roma: sono cinque i colpi di mercato piazzati dal nuovo dirigente. A disposizione del nuovo tecnico Luis Enrique arrivano infatti Daniel Pablo Osvaldo dall’Espanyol, per una cifra che sfiora i 16 milioni di euro, Bojan Krkic dal Barcellona, per 12 milioni di euro ma con un’opzione di recompra da parte del club catalano, Fabio Borini dal Parma (8 milioni di euro), Erik Lamela, stella del River Plate che sbarca nella Capitale per 18 milioni di euro, Nico Lopez, giovane promessa del Nacional. In più la Roma è costretta a riscattare Marco Borriello dal Milan, spendendo una cifra intorno al 10 milioni di euro. Salutano invece Trigoria Mirko Vucinic, passato alla Juventus per 15 milioni di euro, Jeremy Menez, ceduto al Paris Saint Germain per 8 milioni, Stefano Okaka e lo stesso Borriello che lasciano Roma per andare a giocare in prestito rispettivamente a Parma e Juventus.

Stagione 2012-2013

La Roma cambia allenatore: arriva Zdenek Zeman. L’attacco della Roma viene di nuovo rinnovato, ma questa volta solo con qualche ritocco: Walter Sabatini si assicura le prestazioni di Mattia Destro versando nelle casse del Genoa 12 milioni di euro, e prende la giovane promessa Junior Tallo dal Chievo, per 1,2 milioni di euro. Vengono ceduti Fabio Borini, che passa al Liverpool per 13,3 milioni di euro, Piscitella e Caprari, che passano rispettivamente a Genoa e Pescara, mentre Borriello e Bojan lasciano la Capitale per andare a giocare in prestito al Genoa e al Milan.

Stagione 2013-2014

La Roma cambia di nuovo allenatore: arriva nella Capitale Rudi Garcia, e il francese chiede a Walter Sabatini di acquistare un suo fedelissimo, l’ivoriano Gervinho. Il direttore sportivo accontenta il neo tecnico giallorosso e porta a Roma l’ala dell’Arsenal pagando gli 8 milioni richiesti dai gunners. Oltre all’ivoriano arriva a rinforzare l’attacco giallorosso anche Adem Ljajic, che lascia la Fiorentina e approda a Roma per 11 milioni di euro. Lasciano Trigoria giocatori importanti: Daniel Pablo Osvaldo firma per il Southampton e la Roma incassa ben 15 milioni di euro; Erik Lamela viene ceduto in Inghilterra, precisamente al Tottenham, per una cifra intorno ai 30 milioni di euro; Bojan torna al Barcellona, mentre Nico Lopez viene ceduto all’Udinese nell’ambito della trattativa che porta Benatia nella Capitale. Ennesimo prestito per Borriello, che questa volta decide di provare l’esperienza inglese con il West Ham.

Stagione 2014-2015

C’è ancora Rudi Garcia sulla panchina giallorossa, ma l’attacco romanista viene di nuovo rivoluzionato: arrivano Juan Manuel Iturbe dal Verona, per 24 milioni di euro, Sanabria dal Barcellona, per 6 milioni di euro, Ibarbo dal Cagliari con la formula del prestito e, a gennaio, Seydou Doumbia, acquistato dal Cska Mosca per 14 milioni di euro. Lasciano invece Roma Mattia Destro, che passa in prestito al Milan durante la sessione di calciomercato di gennaio, e Borriello, che torna per la seconda volta in prestito al Genoa.

Stagione 2015-2016

I due secondi posti conquistati nelle sue prime due stagioni sulla panchina della Roma fanno guadagnare a Rudi Garcia la conferma alla guida tecnica della squadra. Il calciomercato estivo vede la Roma come assoluta protagonista: arrivano infatti Iago Falque dal Genoa (7 mln), Mohamed Salah dal Chelsea (prestito per 5 mln), Ponce dal Newell’s (4 mln), Edin Dzeko dal Manchester City (4 milioni per il prestito) e Sadiq dallo Spezia. Lasciano Roma Mattia Destro, che firma per il Bologna a fronte di un’offerta di 8 mln da parte dei felsinei, Ibarbo (prestito al Watford), Ljajic (prestito all’Inter), Sanabria (prestito allo Sporting Gijon), Doumbia (prestito al Cska).

Ma le operazioni di mercato di Walter Sabatini non sono finite, perché in questa sessione di calciomercato invernale la Roma, che intanto ha sostituito Garcia con Luciano Spalletti, ha già mosso tre attaccanti: è ufficiale il passaggio di Gervinho ai cinesi dell’Hebei, per 15 milioni di euro più 3 di bonus; Iturbe ha firmato con il Bornemouth per sei mesi di prestito, mentre Stephan El Shaarawy è l’ultimo attaccante arrivato in casa Roma. Tuttavia le operazioni di mercato in attacco potrebbero non essere finite qui: si attende, infatti, l’arrivo a Trigoria di Diego Perotti, esterno offensivo che dovrebbe sostituire Iturbe.

Insomma, in cinque anni di lavoro Walter Sabatini ha cambiato più volte faccia all’attacco giallorosso, portando nella Capitali giocatori di assoluto livello che, però, non sono riusciti a confermarsi per più di due stagioni consecutive con la Roma. I nuovi arrivati, pertanto, sono avvertiti.

 

  •   
  •  
  •  
  •