Ciro Immobile torna al Torino, con Quaglia per un attacco tutto campano

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

Illustri ritorni in Italia che fanno ben sperare per gli europei, si tratta di Ciro Immobile che torna al Torino, società che lo ha lanciato nel grande calcio.
Rinforzo sicuramente gradito per mister Ventura che ora potrà contare su un attaccante di spessore da abbinare a Quagliarella, che nonostante la crisi del goal rimane senza dubbio un giocatore di grandissimo talento essenziale pe ril salto di qualità.

Ritorno gradito di Ciro Immobile al Torino

Ciro ImmobileA Torino nessuno l’ha dimenticato, visti anche i 22 goal in 33 partite nella stagione 2013-2014, quella della consacrazione dopo l’ottima annata al Pescara, dove ha disputato 37 partite segnando 28 goal.
Sicuramente da dimenticare l’esperienza in Germania, iniziata con grandi speranze nel Borussia Dortmund di Klopp che ha regalato all’attaccante campano solo 3 reti e 24 presenze. Naturalmente la disfatta a Dortmund non è imputabile solo al Ciro Nazionale, che è naufragato assieme a tutta la squadra di Klopp in un anno nero che ha visto la formazione tedesca fare un campionato totalmente anonimo.

Leggi anche:  Arriva la bomba: "Cavani è infelice". Ecco le tre squadre su di lui

Ciro Immobile e Quagliarella in attacco

Attacco completamente campano quello che schiererà ora il Torino, con il talento di Torre Annunziata che affiancherà il pilastro di Castellamare di Stabia che non ha saputo ben integrarsi con Maxi Lopez e Belotti (integrazione senza dubbio difficile). Niente più scuse quindi ora per Ventura, che sta ottenendo da Cairo i rinforzi richiesti per tentare quella che ormai è divenuta un’impresa, e cioè l’Europa.

Ciro Immobile per l’Europa League
Ciro ImmobileObiettivo rimane l’Europa League, dove vi sarà però una concorrenza agguerrita, anzi agguerritissima viste le squadre che sono in lizza, che annoverano nomi illustri come Inter, Fiorentina, Roma e Milan, nonché le due rivelazioni del campionato, Empoli e Sassuolo, in grado di fermare avversari quotati ed esprimere il più bel calcio della Serie A.

Leggi anche:  Arriva la bomba: "Cavani è infelice". Ecco le tre squadre su di lui

Una nota particolare può essere poi spesa per la Roma, che con l’arrivo, o per meglio dire il ritorno, di Luciano Spalletti farà sicuramente faville con il gioco spumeggiante che il tecnico toscano ha più volte offerto all’olimpico di Roma, nonostante gli uomini contati e non certo tutti talentuosi dell’era Sensi.

Forse la rincorsa può essere fatta sul Milan, che sembra essere la squadra meno equipaggiata per l’impresa europea, specialmente se non si decide di cambiare l’allenatore, che sta dimostrando limiti tangibile nella gestione di un grande club, anche se rimane in corsa per la Coppa Italia, e quindi per l’ultimo posto in Europa che offre proprio la vittoria nella Coppa Nazionale.

Il riscatto di Ciro Immobile

Ciro ImmobileObiettivo di Ciro Immobile è quello di far dimenticare Dortmund e Siviglia, in modo da conquistare in posto da titolare nella nazionale italiana di Antonio Conte, che come ben si sa è povera di attaccanti di talento e abbraccerebbe a braccia aperte il centravanti campano.

Leggi anche:  Arriva la bomba: "Cavani è infelice". Ecco le tre squadre su di lui

Balotelli infatti non è in grado di dare garanzie, mentre Zaza non trova spazio nella Juventus. Unica nota positiva rimane Berardi, giustiziere dell’Inter di Mancini in campionato che potrebbe veramente essere abbinato con Immobile, creando una coppia d’attacco forse provinciale ma sicuramente esplosiva che potrebbe farci raggiungere un titolo che manca da troppo tempo.

  •   
  •  
  •  
  •