Eder, stipendio più basso pur di approdare all’Inter. Decisivo il pressing del duo Zanetti-Stankovic

Pubblicato il autore: Francesco Meola Segui

20150320165829-20150311195040-eder

Come annunciato ieri dalle nostre colonne, Eder è ormai un giocatore dell’Inter. L’attaccante della Sampdoria è atteso Milano nella mattinata di domani per le visite mediche, al termine delle quali si recherà in sede per firmare un quadriennale da 1,5 milioni di euro a stagione più bonus.

L’entourage del giocatore aveva raggiunto un accordo già nella serata di ieri ma, a differenza da quanto da noi annunciato, le cifre dell’accordo finale sono sensibilmente cambiate; tutto questo nonostante l’inserimento del Leicester avesse inizialmente fatto lievitare i costi.

Eder vestirà dunque il nerazzurro sulla base di un prestito oneroso da 2 milioni, con il riscatto obbligato fissato a 10 milioni di euro. L’importo dovrà essere versato dal club di corso Vittorio Emanuele in tre rate annuali, con l’ultima tranche da saldare entro il 2018.

Decisiva per la trattativa il pressing esercitato sul giocatore da parte del duo Zanetti-Stankovic, che hanno spinto anche gli agenti del giocatore ad ‘accontentarsi’ di uno stipendio decisamente più basso rispetto a quello proposto dagli inglesi (2,5 milioni per quattro anni).

Eder verrà presentato alla stampa nel pomeriggio di domani, con Mancini che non vede l’ora di inserire il brasiliano nel proprio scacchiere. Con l’arrivo della punta doriana, il tecnico jesino punterà tutto sul 4-2-3-1 o 4-3-3, a seconda dell’avversario di turno. La duttilità del giocatore renderà comunque possibile diverse soluzioni, a partire già dal derby di domenica prossima contro il Milan .

  •   
  •  
  •  
  •