Kakà al Milan? Bufala o bomba di mercato?

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

kakà al milan
Kakà al Milan? Il calciomercato può tutto. Il calciomercato è follia pura, è bugia, è dire tutto e il contrario di tutto, è fare operazioni di marketing e operazioni di cuore. Un esempio? Pensiamo a Ronaldo, il Fenomeno, l’ex bandiera Inter. Il suo arrivo al Milan è un esempio di quanto le cose irreali possano in realtà concretizzarsi, di quanto niente sia veramente impossibile, e la sua esultanza in un San Siro silenziato, causa sciopero del tifo, è un’immagine che fa ancora rumore, anche ad anni di distanza.
Galliani poi è un professore di queste operazioni impossibili. I ritorni di fiamma ormai non si contano più sulle dita di mani e piedi, da Donadoni a Boateng la lista sarebbe infinita, per questo una notizia apparentemente insensata diventa quasi normale in casa rossonera.
La telenovela Kakà ha animato pagine di storia milanese a strisce rosso e nere. Dalla cessione virtuale al City, alla cessione vera e propria al Real, fino al ritorno a Milano del figliol prodigo: una soap che conta puntate infinite.

Leggi anche:  Insulti razzisti a Maignan: identificato il tifoso

Kakà al Milan: ecco le indiscrezioni

Ma quanto c’è di vero di questa bomba di mercato? La Gazzetta dello Sport ha riportato le dichiarazioni del (ex?) campione brasiliano. “Tornare un giorno al Milan? Non so, per ora sono felice negli Usa. Ho adorato giocare nel Milan e credo che lì ci sarà sempre una porta aperta per me.”
Insomma niente di così improbabile. Non si parla di gennaio ma in estate chi lo sa, in fondo con le casse di Via Turati sempre più a secco, cosa ci sarebbe di meglio di un bel colpo nostalgia?
Certi amori fanno dei giri immensi e poi ritornano, potrebbe dire Galliani parafrasando Venditti. Certi amori fanno dei giri immensi ma poi meglio che se ne stiano dove sono, potrebbe dire il tifoso rossonero stufo di questa perpetua presa per i fondelli. Kakà al Milan? No, grazie.

Leggi anche:  Insulti razzisti a Maignan: identificato il tifoso

Paolo Bellosta

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: