Sciaudone passa allo Spezia. “A Salerno non ho mantenuto le mie promesse”

Pubblicato il autore: Ramona Buonocore Segui

sciaudoneLa notizia è arrivata nel tardo pomeriggio: Daniele Sciaudone non fa più parte della rosa di Mister Torrente. L’ex centrocampista del Bari e del Catania, classe 1988, lascia Salerno alla volta di La Spezia. A darne la notizia ufficiale, con un comunicato intorno le 14.00, è stato il sito ufficiale di Lo Spezia calcio:
“Lo Spezia Calcio comunica di aver trovato l’accordo con l’U.S. Salernitana 1919 per l’arrivo in prestito con diritto di riscatto del centrocampista, classe ’88, Daniele Sciaudone. In questa prima parte della stagione Sciaudone è sceso in campo 16 volte con i campani. Il calciatore prenderà la maglia numero 14 e sarà da subito a disposizione di mister Di Carlo”.
Dopo questa comunicazione, poco dopo, anche la Salernitana ha confermato il prestito sul suo sito web ufficiale con una nota di poche righe:
“L’U.S. Salernitana 1919 comunica di aver raggiunto l’accordo con lo Spezia Calcio per il trasferimento a titolo temporaneo con diritto di riscatto del calciatore Daniele Sciaudone”.
Fortemente voluto da Torrente, Sciaudone era arrivato a Salerno quest’estate dal Catania dopo le ottime prestazioni anche con il Bari calcio, dove vestiva il ruolo di capitano e vantava più di cento presenze. A Salerno Sciaudone sarebbe dovuto essere il perno del centrocampo sia giocando nel ruolo di mezz’ala nel 4-3-3- sia come trequartista nel 4-3-1-2. Ma la sua presenza a Salerno non ha brillato tanto quanto le precedenti, diventando la delusione più grande del girone d’andata della squadra granata. Probabilmente il giocatore bergamasco non è riuscito ben ad ambientarsi nella squadra e non è mai riuscito a giocare per intero i 90 minuti regolamentari di gioco. A decretare il “fallimento” del giocatore nella squadra non è stato però Torrente bensì il pubblico dell’Arechi che ha indicato il giocatore come uno dei maggiori colpevoli del disastroso girone d’andata. Ad ogni ingresso in campo l’Arechi lo ha sommerso di fischi, gravando negativamente sulla performance del giocatore, sempre più nervoso e sempre meno concentrato, fino all’epilogo della Vigilia di Natale: rissa durante la sfida con il Cagliari ed espulsione.

Unico rammarico per il giocatore è stato quello non essere riuscito a mantenere le promesse estive fatte a Torrente e ai giocatori. Probabilmente Sciaudone sarà già in campo nella gara de Lo Spezia di lunedì, proprio contro la Salernitana. Durante la conferenza stampa del pomeriggio Domenico Di Carlo, tecnico della squadra ligure, ha dichiarato di voler ricominciare a vincere proprio nella partita in casa contro la Salernitana:
“Il nostro primo obiettivo è quello di tornare a vincere in casa e riconquistare il “Picco”, cercando di invertire il trend negativo dell’ultimo periodo, nel quale non siamo riusciti a cogliere i tre punti davanti al nostro pubblico; per farlo però servirà spensieratezza ed un pizzico di incoscienza, in poche parole bisognerà entrare sul rettangolo verde con la testa libera da nervosismo e brutti pensieri, determinati a cogliere quanto vogliamo. Abbiamo qualche giocatore indisponibile, ma abbiamo ancora oggi e domani per valutare alcune situazioni”.
Per quanto riguarda il mercato Di Carlo è ben felice dell’arrivo di Sciaudone:
“Sciaudone? E’ un calciatore che potrà darci una grande mano da qui alla fine della stagione, ha il profilo che stavamo cercando. Cosa manca? Sicuramente cercheremo ancora un difensore centrale, possibilmente un giovane, poi vedremo da qui a lunedì cosa proporrà il mercato e faremo le opportune valutazioni”.

  •   
  •  
  •  
  •