Icardi, media-gol da urlo. Perché venderlo?

Pubblicato il autore: Giuseppe Buonadonna Segui

mauro-icardi-sky
C’è chi lo ama e chi lo odia, ma Mauro Icardi è senza dubbio uno dei talenti più forti del nostro campionato. Contro la Sampdoria lo scorso week-end ha messo a segno il gol numero 11 in questa stagione, ed è ritornato ai ritmi che gli hanno permesso di vincere l’anno scorso la classifica capocannonieri alla pari con Luca Toni. La sua media fa rabbrividire: 11 gol appunto, senza rigori con appena 19 tiri nello specchio della porta. Un vero e proprio cecchino di area di rigore che ancora oggi fa discutere, e non si sa ancora precisamente il perché.
Per l’ex attaccante della Sampdoria però, potrebbe essere la sua ultima stagione in nerazzurro e in Italia, perché se l’Inter non dovesse centrare il terzo posto e quindi la possibilità di giocare nella prossima Champions League, deve, per obblighi economici, sacrificare alcuni dei suoi giocatori più importanti, e con Miranda e Brozovic, Icardi è sicuramente uno dei più ricercati all’estero, nonostante le dichiarazioni del presidente Erick Thoir, che ha più volte precisato che il bomber è incedibile e rimarrà a lungo alla corte di Roberto Mancini. Proprio nel match in cui, l’argentino ha siglato la sua 52esima marcatura in serie A, sugli spalti c’era Josè Mourinho. Non è ormai un segreto che il tecnico di Setubal, l’anno prossimo siederà sulla panchina del Manchester United, e la sua visita a Milano non è dovuta solamente a motivi nostalgici, ma soprattutto per visionare da vicino possibili giocatori utili per il suo futuro e nuovo progetto in Inghilterra; e proprio il numero 9 dell’Inter è in cima alla lista dei desideri del portoghese, insieme al difensore brasiliano Joao Miranda. Su di lui, non solo il Manchester, ma è sempre noto l’interessamento dell’Atletico Madrid, essendo sempre nei pensieri del Cholo Simeone, che se dovesse cambiare panchina (al Chelsea per esempio), potrebbe portarlo con sé a Londra.
Se l’Inter però dovesse centrare l’obiettivo prefissato dall’inizio del campionato, e quindi arrivare come minimo, al terzo posto, Icardi ha più volte ribadito di voler rispettare il contratto firmato con la società e rimanere a Milano a lungo, nonostante i progetti più intriganti delle squadre interessate a lui.
Nel caso in cui però, Maurito dovesse lasciare Milano, si sono già fatti i primi nomi per sostituirlo: se per Cavani e Dzeko, sarà molto difficile in quanto entrambi hanno un ingaggio molto alto, e soprattutto per il bosniaco, la Roma non vuole cederlo ad una diretta concorrente, discorso a parte lo si può fare per Leonardo Pavoletti. Ovvio protagonista del campionato che si sta svolgendo, il 27enne attaccante del Genova, che piace molto al ds Piero Ausilio sin dai tempi del Sassuolo, potrebbe essere il profilo giusto per un’ Inter senza Champions, anche se su di lui c’è un forte interesse anche del Milan e della Fiorentina. Come alternativa c’è il solito Jonathan Calleri, attualmente in forza al San Paolo, del quale si era già parlato nel mercato di Gennaio ma non si fece nulla per problemi economici, e Javier Hernandez, attaccante che piace molto a Thoir, e che in questa stagione sta facendo molto bene al Bayer Leverkusen.

Leggi anche:  Risultati Serie A 9° Giornata: Milan ancora vittorioso, il big match Napoli-Roma va ai partenopei
  •   
  •  
  •  
  •