Mauro Icardi: “Voglio restare all’Inter e giocare la Champions”

Pubblicato il autore: Marcello Mutalipassi Segui

Mauro Icardi
Mauro Icardi ha detto no anche al Manchester United. Questa la volontà del giovane attaccante argentino che, tramite i microfoni dei giornalisti, risponde secco alle voci di mercato che lo vedevano vicino allo United di Mourinho per il prossimo anno. Con queste parole Maurito fuga ogni dubbio sul suo futuro e fa sorridere i tifosi interisti, “Voglio restare all’Inter“. Nel frattempo l’attaccante argentino lavora duro insieme alla squadra in vista della sfida con la Fiorentina e aggiunge “Io credo nella Champions, ci ho creduto a Luglio e ci credo ancora di più ora. Ho tanta voglia di giocare in Champions“.

Le offerte che erano giunte ad Appiano Gentile non sono rimaste nascoste: prima un’offerta sostanziosa da parte del Wolfsburg e poi, una volta chiaro il futuro di Mourinho sulla panchina dello United, un’ altra direttamente da Manchester.
Quando si trattava il prolungamento di contratto con la dirigenza, ho detto a tutti che la mia intenzione è quella di rimanere.” risponde Icardi, “Le offerte per andare altrove c’erano e ci sono sempre state, ma io avevo chiaro in mente che era meglio restare qua. Wolfsburg e United? Qualcosa ho sentito, ma io voglio giocare con l’Inter. Se il Manchester mi cercherà ancora, non sarà né la prima né l’ultima società che posso rifiutare. Mi sento bene a Milano e non intendo andarmene. Sono molto legato all’Inter e felice di farne parte, la mia squadra del cuore fin da bambino è il Newell’s ma anche l’Inter ora è nei miei pensieri.

Leggi anche:  Ziliani scatenato: "Conte flop totale, sta rovinando l'Inter. É inetto e sadico"

Valutato 40 milioni di euro dall’Inter, Mauro Icardi ha messo subito le mani avanti aggiungendo “devo dimostrare sul campo di valerli“. Forse un segnale lanciato a Roberto Mancini? In realtà anche qui Maurito cerca di essere chiaro con i giornalisti spiegando l’attuale rapporto con i compagni e con il suo allenatore.
Con Mancini ho un ottimo rapporto. Quando è arrivato ad inizio stagione mi ha detto che devo fare 15 – 20 gol, è normale che un allenatore voglia stimolare l’attaccante a dare il massimo.” E aggiunge poi sulle partite passate a guardare, “Non sono arrabbiato per le esclusioni, tutti ci rimangono male quando gli viene detto che non possono giocare ma ho spiegato subito anche al direttore sportivo Ausilio che non avevo problemi e accettavo tutte le scelte del mister.

Leggi anche:  Inter-Real Madrid, la Moviola: espulso Vidal e due rigori non dati? Ecco gli episodi chiave

E il rapporto in campo (e fuori) con Jovetic? Anche qui Mauro Icardi rimane diplomatico e dice a tutti di aspettare: “Tra me e Mancini c’è un ottimo rapporto, così è anche con Jovetic. Entrambi lavoriamo sodo e lavoriamo per fare bene all’Inter. Non è assolutamente vero che non siamo compatibili, abbiamo due stili diversi di gioco. Con Mancini sto imparando a giocare anche fuori dall’area, il mister mi chiede molto movimento ed un cambiamento che sto pian piano facendo mio. Con Jovetic, vedrete che cresceremo e faremo grandi cose.

In vista della partita con la Fiorentina, decisiva per il futuro delle due squadre, Mauro Icardi rende chiari quali siano gli obiettivi e le sue valutazioni sulla stagione dell’Inter. “L’Inter ha fatto una stagione, fino a qui, da 9. Nell’ultimo mese abbiamo avuto un leggero calo e abbiamo perso qualche punto, ma vedrete che risaliremo.” E sulla champions ribadisce, “Sono convinto che la squadra può conquistare un posto in Champions; ad inizio stagione eravamo nuovi e ci conoscevamo meno, ma ora abbiamo metabolizzato i movimenti e giochiamo meglio. D’ora in poi non si può sbagliare!

  •   
  •  
  •  
  •