Mercato Juve, il retroscena: Cavani cercato già a gennaio

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui

Cavani

Edinson Cavani è sempre in cima alla lista delle preferenze della Juventus. Lo sarà sicuramente all’apertura della prossima sessione di calciomercato a giugno, ma a quanto pare lo è già stato nella finestra di gennaio. Secondo “La Gazzetta dello Sport” il direttore generale bianconero Marotta avrebbe presentato al club transalpino un’offerta da circa 20 milioni di euro più il cartellino del bomber croato Mario Mandzukic. Il patron Al-Khelaifi però vista la partenza di Lavezzi (emigrato proprio oggi in Cina) ha rispedito al mittente la proposta, posticipando la partenza del Matador di sei mesi.

Infatti il centravanti uruguaiano non sta vivendo un buon momento all’ombra della Torre Eiffel. Il dualismo con Ibrahimovic lo sta logorando e ultimamente il tecnico del Psg Blanc gli ha spesso e volentieri preferito lo svedese. La pesante rete realizzata ieri contro il Chelsea in Champions League potrebbe cambiare la situazione, ma l’ex Napoli è voglioso di ritornare nel Bel Paese. L’unico ostacolo al momento sembra l’ingaggio, anche se la dirigenza juventina sta lavorando a questo aspetto. L’idea è quella di proporre al calciatore un contratto quadriennale da circa sette milioni di euro a stagione, dunque una cifra molto vicina a quella che percepisce attualmente in Francia.

Leggi anche:  De Ligt: "La Juve non ti chiama se non hai talento"

Ad agevolare l’affare potrebbe essere il ritorno di Alvaro Morata al Real Madrid. I galacticos hanno un’opzione di controriscatto fissato a 30 milioni e molto probabilmente la eserciteranno. Con questo denaro la Vecchia Signora potrebbe finalmente coronare il sogno di mettere le mani su Cavani, ovvero quell’attaccante in grado di garantire venti e più reti stagionali. Inoltre le sue caratteristiche potrebbero sposarsi bene con quelle di Dybala (l’unico del reparto offensivo attuale sicuro della riconferma), in modo da formare così una coppia d’assi davvero invidiabile. In questo momento sono comunque discorsi superflui, da qui a giugno gli scenari potrebbero cambiare ulteriormente e quindi non rimane che aspettare.

  •   
  •  
  •  
  •