Futuro Inter: si pensa a Vincenzo Montella e a un ridimensionamento

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

vincenzo montellaNon mancano mai le sorprese in casa Inter, specialmente sul fronte allenatori dove l’ultima idea riguarderebbe Vincenzo Montella, attuale tecnico della Sampdoria nonché ex allenatore di Roma, Catania, e Fiorentina, dove ha lasciato ricordi indelebili e dove ha saputo farsi amare da tutti i suoi tifosi. L’ipotesi è molto più che relativa, essendo Roberto Mancini molto richiesto in Russia (Zenit su tutte), e avendo uno stipendio molto alto che in caso di non qualificazione in Champions sarebbe difficile onorare.
Oltre al tecnico di Jesi si dovrà fare a meno anche di diversi giocatori, come Icardi, kondogbia e Perisic, che hanno un discreto mercato in Europa, e Jovetic, Ljajiic e Telles, che tornerebbero rispettivamente al Manchester City, alla Roma (a cui sarà molto utile in champions) e al Galatasaray.
Da qui rispunta il pallino di Massimo Moratti per Vincenzo Montella, il quale potrebbe essere l’uomo ideale per rilanciare una squadra che ha bisogno di essere rifondata e di arrivare a traguardi sportivi ed economici importanti. Il buon Massimo ha sempre avuto una grande ammirazione per Vincenzino, che è stato da lui fortemente cercato sia ai tempi del Catania che della Fiorentina, purtroppo con scarsi risultati, mentre ora, con una Sampdoria in forte crisi, potrebbe essere abbordabile. Dal canto suo Thoir si rimetterebbe per la scelta del coach al suo socio minoritario, il quale ha un occhio molto più lungo del suo sugli allenatori e sui giocatori.
Montella è infatti un tecnico dalle idee chiare che sa valorizzare per il meglio i giovani e il capitale umano che ha a disposizione, cosa che all’Inter è di vitale importanza visti i giovani del vivaio che potrebbero essere lanciati, come l’ivoriano Assane Gnoukouri e la stellina portoghese Delgado, che se abilmente lanciati dal tecnico napoletano potrebbero sostituire egregiamente kondogbia e Perisic, a costo zero.
Più difficile la sostituzione del bomber Icardi, che sarà vaglia attentamente da Ausilio, magari con qualche centravanti giovane che Montella potrebbe valorizzare, come Eder, già acquistato da Mancini ma utilizzato poco e male.
Insomma sarà un Inter nuova, e allo stesso tempo giovane, che potrà far ben sperare i propri sostenitori sia in campionato che in Europa League, iniziando forse un nuovo ciclo di successi.

Leggi anche:  Champions League 2020/21, le probabili formazioni della quinta giornata e statistiche
  •   
  •  
  •  
  •