Ibrahimovic Napoli, Raiola: “Lì sono bravi solo a fare i film…”

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito Segui

ibrahimovic

IBRAHIMOVIC NAPOLI. Il nome di Zlatan Ibrahimovic è stato prepotentemente accostato al Napoli negli ultimi giorni: l’ormai 35enne svedese è in scadenza di contratto con il PSG ed ha già fatto sapere che non rinnoverà, scatenando così su di lui le attenzioni e gli obiettivi delle squadre di mezza Europa. Nonostante l’età avanzata la voglia di Ibra di calcare ancora palcoscenici importanti è grande e da qui fino a settembre dovrà soltanto decidere la destinazione ideale per le sue ambizioni e anche per il suo portafoglio.
Nell’ampio novero delle squadre interessate ad Ibrahimovic ci sarebbe anche il Napoli: la trattativa a dire la verità è molto difficile, soprattutto per il faraonico ingaggio che l’attaccante chiederebbe, certamente fuori dalla portata di molte squadre. Sul suo futuro ha parlato anche l’agente, Mino Raiola, a La Gazzetta dello Sport: “Con il fisico e la testa che ha, gliel’ho detto, può giocare per altri 5 anni. Ha un’energia incredibile, migliora col tempo. E quando può va a fare pure caccia estrema. E’ disumano, nel senso che fa cose che gli umani neanche s’immaginano. La sua sarà una scelta speciale“.
Si vocifera anche di proposte dalla Cina, la nuova realtà emergente del calcio con un ampio budget da spendere: “Non dico la cifra, ma è molto grossa. Ho in mano offerte da tutti i continenti. E’ presto, però, per un quadro chiaro. Ora vado in vacanza tre settimane. Immagino che al ritorno saranno a posto più tasselli del puzzle: non solo per Ibra. Al Psg stanno facendo di tutto per convincerci a rinnovare. Parigi resta un’opzione. Anche per restare all’altezza della torre Eiffel…“.
Arriva poi la battuta che farà discutere su Napoli: “Anche il Napoli sarebbe interessato, ma lì sono bravi solo a fare i film… Si è fatta avanti anche l’Inter, ma non ci sono ben chiari i programmi di Thohir“.
La stoccata, è evidente, sarebbe rivolta al presidente De Laurentiis, uomo di cinema oltre che patron degli azzurri: chissà che alla luce di queste dichiarazioni non ci sia già stato un abbozzo di trattativa terminato però in maniera negativa, a giudicare dalle parole al vetriolo di Raiola.

  •   
  •  
  •  
  •