Inter, Jovetic si gioca le sue ultime opportunità in questo finale di stagione

Pubblicato il autore: Giuseppe Buonadonna Segui

parola a jovetic

Ottanta minuti: è il tempo giocato da Stevan Jovetic dalla partita a San Siro tra Inter e Carpi terminata poi uno a uno fin ad ora; è vero che nelle ultime tre partite non è stato disponibile per infortunio, come non sarà con ogni probabilità disponibile anche per il match di sabato sera contro il Bologna, ma di certo è l’unico attaccante nerazzurro, che dopo l’acquisto di Eder, è rimasto ai margini delle scelte di Roberto Mancini. Titolare solo in coppa contro il Napoli e la Juventus, Jovetic ha visto calare il suo rendimento in maniera vertiginosa, soprattutto pensando che ad inizio campionato era lui il top player della squadra, era lui il giocatore che decideva le partite, con i suoi tre gol nelle prime due giornate contro Atalanta e Carpi.
Dopo il periodo negativo dell’Inter, in discussione, insieme all’ex giocatore del Manchester City, c’erano anche gli altri slavi Perisic, Ljajic e Brozovic, che però nelle ultime prestazioni, sono riusciti a riconquistare la fiducia di Mancini, recuperando i minuti di gioco che per un periodo avevano  perso. Discorso diverso però viene fatto per Jo-Jo, che forse a causa anche dell’infortunio non ha saputo far cambiare idea al suo allenatore restando per più partite in panchina senza mai subentrare.
Quindi per convincere Mancini a contare su di lui anche nella prossima stagione, gli rimangono dieci partite, in cui dovrà trovare la migliore condizione fisica per ritrovare la sua media-gol abituale che ha sempre avuto sia alla Fiorentina, che in un periodo in Inghilterra, fin’ora lontana dai cinque gol stagionali con i nerazzurri.
Il contratto con cui lo lega all’Inter dice: 2,5 milioni al Manchester City per il prestito e obbligo di riscatto a 14,5 milioni alla prima presenza nella stagione 2016-17 o “nel caso in cui – recita il bilancio 2014-15 – la prima squadra sia nelle prime 17 posizioni entro dicembre 2016.
Due quindi rimangono i casi aperti sul futuro di Jovetic: o dargli un’altra chance in questo finale di stagione, e nella prima parte della prossima fino a dicembre 2016, oppure come ha già fatto l’estate scorsa la società con Shaqiri, riscattarlo dal Manchester City, e trovare un’acquirente per il giocatore, cercando di venderlo con un prezzo vicino a quello del riscatto.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Panchina Inter: Antonio Conte sempre più in bilico, Marotta come traghettatore pensa ad un ex nerazzurro