Occhio Inter: Bayern e United piombano su Murillo

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui
murillo
L’ottima stagione del difensore Jeison Murillo con la casacca dell’Inter non è passata affatto inosservata. Anzi, il centrale colombiano ex Cadice è appetito da diversi club esteri, in particolar modo secondo gli ultimi rumors di mercato da Bayern Monaco e Manchester United.
Tradotto, significa che Carlo Ancelotti e Josè Mourihno (dalla prossima stagione saranno rispettivamente sulle panchine dei bavaresi e dei red devils) hanno messo gli occhi sul numero 24 nerazzurro, che in questa stagione ha collezionato 26 presenze in campionato ed ha realizzato due goal.
Insieme a Joao Miranda formano una coppia difensiva importante e soprattutto completa, un mix di esperienza, tecnica, velocità e senso dell’anticipo. Per il popolo interista Murillo è un po’ l’erede di Ivan Ramiro Cordoba, oltre che per la stessa nazionalità, anche per il modo di giocare e per l’attaccamento alla maglia.
Mister Roberto Mancini lo ha voluto fortemente all’ombra della Madonnina e difficilmente lo lascerà andar via. Allo stesso tempo però, qualora la missione terzo posto dell’Inter dovesse fallire, di fronte ad una cospicua offerta economica sarebbe difficile trattenere il giocatore.
Il suo valore rispetto alla passata stagione è quantomeno triplicato e se Erick Thohir ha dovuto sborsare otto milioni di euro per prelevarlo dal Granada, ora per poter acquisire il suo cartellino sono necessari più o meno 20 milioni.
Una cifra non proibitiva per club del calibro di United e Bayern, che sarebbero pronte a mettere sul piatto addirittura 25 milioni per far vacillare la dirigenza interista.
Tra i possibili sostituti circolano i nomi di Veltman dell’Ajax, Neustadter dello Schalke, Bruma del Psv Eindhoven e Armando Izzo del Genoa. Quest’ultimo è un profilo alquanto interessante, visto che si tratta di un giovane italiano con una discreta esperienza nel nostro campionato.

Insomma tutto ruota intorno alla qualificazione alla prossima Champions League, perchè nel caso il ritorno nell’Europa che conta si concretizzasse non ci sarebbe alcuna necessità di cedere Murillo (proposte indecenti permettendo).

  •   
  •  
  •  
  •