Roma, Iturbe: in Premier non gioca mai. Rientrerà dal prestito a fine stagione

Pubblicato il autore: Sabato Simone Del Pozzo Segui

juan-iturbe
Quello tra Iturbe e la Premier è stato un matrimonio brevissimo.
L’argentino è stato da subito scaricato dal Bournemouth, club inglese che lo aveva prelevato a gennaio dalla Roma in prestito con obbligo di riscatto. Riscatto che ovviamente non ci sarà dato che il calciatore avrebbe dovuto collezionare almeno 10 presenze e il Bournemouth si sarebbe dovuto salvare. Sin ora Iturbe ha giocato solo due volte. Alla fine del campionato mancano 7 giornate. E’ praticamente matematico che l’ex Verona non arriverà alle presenze stabilite. Così come è quasi certo che il club non lo riscatterà in ogni caso.
Sfumano perciò i quasi 20 milioni di euro che la società capitolina si aspettava dagli inglesi.
La Roma intasca, però, 1.2 milioni per il prestito semestrale del ragazzo.
Il presidente dei giallorossi James Pallotta aveva spinto per il prestito di Iturbe in Inghilterra, scavalcando Walter Sabatini e non curante dello scetticismo dello stesso ds.

Leggi anche:  Milan su Thauvin, Maldini: "Giocatore che va seguito, economicamente interessante"

Juan Manuel Iturbe a giugno tornerà in Italia. Tornerà alla Roma che lo ha mandato via senza troppi rimpianti, anzi. La situazione che si profila all’orizzonte è molto delicata. Bisognerà far chiarezza sulla vicenda sin da subito e decidere cosa fare del giocatore. La concorrenza in casa Roma è raddoppiata. Stephan El Shaarawy (in prestito dal Milan) verrà riscattato molto probabilmente dai giallorossi dato il suo altissimo rendimento da quando è tornato in Italia e anche per via del suo ottimo rapporto con ambiente e allenatore. Salah è inamovibile e Perotti è il simbolo della rinascita della Roma targata Spalletti.
Insomma, Iturbe dovrà sudare per un posto da titolare o dovrà accontentarsi del poco spazio che gli verrà concesso.
La volontà di Pallotta, è abbastanza chiaro, è quella di fare cassa. Molto probabile perciò che l’argentino venga mandato ulteriormente in prestito o, non è escluso, che venga svenduto al primo offerente.
Al momento sembra davvero difficile che qualche società sia disposta a versare nelle casse della Roma una cifra così importante per un calciatore che ha giocato 55 minuti da gennaio.
Intanto lo stesso Iturbe, intervistato durante il ritiro del Paraguay sua seconda nazionale, ha espresso la volontà di non voler pensare al futuro in questo momento, ma di rimandare tutto a stagione conclusa.

  •   
  •  
  •  
  •