Scherzo di Conte alla Juventus. Cuadrado torna al Chelsea?

Pubblicato il autore: Mario Massimo Perri Segui

Antonio Conte si innamorò di lui (calcisticamente parlando) fin dai tempi in cui era l’allenatore della Juventus. La dirigenza non lo accontentò e quella – secondo molti – fu la goccia che fece traboccare il vaso e lo costrinse a dimettersi. Stiamo parlando di Juan Cuadrado, esterno che – neanche a farlo apposta – un anno dopo l’addio del tecnico leccese è stato prelevato dai bianconeri in prestito secco dal Chelsea. Già, proprio il Chelsea. La squadra che, a partire dalla prossima stagione, sarà allenata da Conte. Incroci pericolosi a cui – ormai  – questo sport ci ha abituati.

L'attuale ct della Nazionale Antonio Conte

L’attuale ct della Nazionale Antonio Conte

IL GIOCATORE – Intercettato dai microfoni di Premium Sport, il giocatore ha parlato anche del suo futuro, dicendo di “essere felice alla Juventus” e che “pensa a far bene in questi tre mesi. Conte al Chelsea? La mia prossima squadra si deciderà al termine della stagione”. Dichiarazioni che lasciano sicuramente qualche dubbio sulla sua permanenza in bianconero. Dubbi che prendono maggiormente piede dato l’arrivo (quasi certo) dell’ex allenatore bianconero sulla panchina dei blues. Il giocatore ha parlato anche degli obiettivi stagionali: “Il secondo tempo dell’andata degli ottavi di finale di Champions ci ha dato molta fiducia. A Monaco dobbiamo giocare per 90′ con la stessa mentalità mostrata in quel secondo tempo. Siamo una delle squadre più forti e complete e abbiamo tutte le possibilità di fare risultato e passare ai quarti. Triplete? Abbiamo l’obbligo di pensare una cosa per volta. Per adesso, siamo primi in campionato ed in finale di Coppa Italia. Il resto si vedrà…”.
bl

Cuadrado con la maglia del Chelsea, in una delle sue poche apparizioni in maglia blues

Cuadrado con la maglia del Chelsea, in una delle sue poche apparizioni in maglia blues

NUMERI DELLA STAGIONE – I numeri ci dicono che Cuadrado sta disputando una discreta stagione. Sicuramente migliore dei sei mesi passati al Chelsea di Mourinho, nei quali ha disputato solo una manciata di minuti. Per lui, invece, quest’anno 30 presenze (subentrato dalla panchina il più delle volte) e 3 gol tra campionato e coppe che, se aggiunti a 3 assist decisivi, rappresentano un buon bottino. Allegri confida molto in lui, tanto che l’esterno sembra essere – ormai – entrato nel giro dei titolari in questi ultimi match, come dimostrano i 90′ disputati contro il Bayern Monaco.

Leggi anche:  Criscitiello, che attacco a Pirlo: "Juve senza gioco e cattiveria. Squadra piccola contro le neo promosse"

FORMULA DEL PRESTITO – Il giocatore è arrivato in prestito secco, ma con la promessa – da parte dei dirigenti delle due società – che avrebbero ridiscusso, a distanza di un anno, i termini per un suo eventuale riscatto da parte della Juventus. Per Cuadrado, infatti, era fondamentale giocare con continuità, cosa che non poteva essergli garantita dall’allora allenatore del Chelsea Josè Mourinho. Lo Special One non ha mai visto di buon occhio l’esterno, anche se è stato proprio lui a volerlo alla sua corte, sborsando 35 milioni di euro alla Fiorentina.
Sicuramente Cuadrado non resterà indifferente di fronte al debole che Conte ha esternato di avere per il colombiano. Allo stesso modo, Marotta e Paratici – nel caso in cui Allegri dovesse ritenerlo fondamentale nella prossima stagione – faranno di tutto per convincerlo a restare in bianconero. Come spesso succede quando si creano questi incroci pericolosi, se ne vedranno delle belle…

  •   
  •  
  •  
  •