Bartomeu: “Neymar incedibile”. Ma c’è chi vuole pagare i 193 milioni della clausola

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui
neymar-barcelona-2013-hd-wallpapers-jpg
Il presidente del Barcellona Josep Maria Batomeu, ha voluto mettere fine alle alle voci riguardanti la presunta partenza di Neymar. L’asso brasiliano (anche ieri sera nel match con l’Atletico Madrid tra i migliori in campo) ha il contratto in scadenza nel 2018 e naturalmente la società blaugrana ha tutta la volontà di prolungare l’attuale accordo, anche se ad oggi la trattativa è ancora in alto mare.
Il numero uno catalano intervenuto ai microfoni di Globoesporte ha dichiarato che non sarà valutata nessuna proposta di altre società per l’ex giocatore del Santos.
L’equipe (noto quotidiano sportivo francese) però afferma che il Paris Saint Germain potrebbe pagare la faraonica clausola rescissoria di 193 milioni di euro e quel punto la palla passerebbe al giocatore.

E a tal proposito sono importanti le dichiarazioni di Wagner Ribeiro, agente di Neymar, che ha aperto la porta ai parigini: “Neymar sta bene al Barcellona, si sente amato e gioca nella miglior squadra del mondo, non c’e’ niente di più grande. Vedremo fra due anni, quando scadrà il contratto. Se comunque il Paris Saint Germain mostra interesse per Neymar, se ne può’ discutere. Un contratto può anche essere rescisso a patto che si paghi la clausola che e’ di 193 milioni di euro. Ma non credo questo sia un problema per i francesi”.
Dunque si prospetta un’estate rovente all’ombra della Sagrada Familia, perchè qualora non si trovasse l’intesa per il rinnovo contrattuale, sarebbe più semplice per gli altri club, (Psg in primis) accaparrarsi le prestazioni della punta verdeoro.
Allo stesso tempo bisogna considerare che, qualora questa “follia” vada in porto, si creerebbe un precedente allucinante e le valutazioni dei giocatori in sede di calciomercato potrebbero schizzare alle stelle (un po’ come successo dopo l’affare Bale-Real Madrid) e in un periodo dove di soldi non ne girano troppi (soprattutto per le squadre italiane) non è proprio il massimo.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •