In Inghilterra sono sicuri: lo United riabbraccerà Ronaldo. Il Real fa gli sconti e gli inglesi ne approfittano

Pubblicato il autore: Ilaria Ceracchi Segui
Ronaldo al PSG
Cristiano Ronaldo
, punta di diamante del Real Madrid, potrebbe lasciare il club spagnolo a fine stagione. Per il portoghese, infatti, secondo quanto riportato dai media inglesi, in particolare dal Daily Star, si profila la possibilità concreta che torni a dar spettacolo nel Manchester United. L’ipotesi di un ritorno alle origini è più che una voce, anzi.  Stando a quanto reso noto dalla stampa inglese, Ronaldo sarebbe ben lieto di tornare a vestire la maglia dei Red Devils e la società inglese non avrebbe avuto problemi ad accettare prontamente la richieste di denaro stabilita dal Real. Il club spagnolo, infatti, ha dichiarato che è disposto a lasciar partire CR7 per la modica cifra di 60 milioni di euro circa (48 milioni di sterline). Un prezzo da saldi di fine stagione quello fissato per l’attaccante portoghese, dal momento che ha segnato la bellezza di 355 gol con la maglia del Real Madrid e che è senza ombra di dubbio uno dei giocatori più competitivi e talentuosi di sempre. Senza tralasciare, ovviamente, i tre Palloni d’Oro ottenuti dal numero 7. Ronaldo, dal canto suo, avrebbe fatto richiesta di un contratto di 16 milioni di sterline l’anno, e il Manchester non avrebbe problemi ad esaudire i desideri del suo ex, figuriamoci. Dunque, il club inglese è davvero disposto a tutto pur di riavere nella propria rosa il giocatore, poi: se Perez si mette a fare gli sconti, perché lasciarsi sfuggire un’occasione così?Il contratto di Ronaldo con il Real andrebbe in scadenza nel 2018 e il club spagnolo avrebbe, così, preferito mettere il suo Jolly sul mercato, per giunta ad un prezzo davvero stracciato. Chissà cosa si nasconde dietro questa decisione così ambigua e autolesionista a gli occhi di molti. Cosa spinge un top club, qual è il Real Madrid, a privarsi di un giocatore del calibro di Ronaldo? Sì, ok, ha 31 anni, ma in questi anni non ha dato mai segni di stanchezza o di non potersela giocare con le nuove leve. Anzi… CR7 può giocarsela con tutti, di non avere rivali. Risale a qualche giorno fa, infatti, la vittoria del Real Madrid nell’attesissimo Clasico contro i giganti del Barcellona, grazie proprio ad una prodezza di Cristiano Ronaldo. E’ quasi sempre lui a sbloccare il risultato o a decidere la partita, e lo fa con una semplicità inaudita. Ne sa qualcosa la Roma di Spalletti: il portoghese sembra provarci gusto a infrangere il sogno Champions dei giallorossi sia con la maglia dello United, sia con quella dei Blancos.

Mito delle nuove generazioni, ed esempio per tutti, il portoghese dai piedi d’oro dribbla, corre, scatta, serve assist e soprattutto fa gol. E lo fa in tutti i modi: di rovesciata, di tiro potente da fuori area, di testa, in acrobazia. L’immagine di CR7, infatti, non può essere che associata al gol e alle sue note esultanze, che dopo ogni match fanno il giro del web e non solo.
Dunque, l’avventura dei Cristiano in Spagna sembra avvicinarsi davvero al capolinea eppure, lui continua a rassicurare tutti i suoi tifosi e, soprattutto, i suoi avversari a suon di   ‘Calma, calma que yo estoy aqui’.

  •   
  •  
  •  
  •