Alvaro Morata mette con le spalle al muro il Real Madrid

Pubblicato il autore: Antimo Carriero Segui

Morata

Inatteso come un fulmine a ciel sereno, è arrivato ieri il parere di Alvaro Morata riguardo i suoi desideri e le ambizioni future.
Il talento spagnolo, infatti, alla propria stampa nazionale ha dichiarato che la sua massima aspirazione per le stagioni a venire, sarebbe quella di militare e vincere nel Real Madrid, suo club “nativo”.
Il tutto ovviamente suonerebbe come una campana stonata, se non altro perchè il club campione d’Europa vorrebbe riscattare il cartellino di Alvaro Morata, solo per far cassa tramite la corsia della Premier League.
La domanda che sorge spontanea in tal caso, riguarda il motivo per il quale l’attuale attaccante bianconero, conscio della sua cessione, avrebbe proferito tale dichiarazioni.
La risposta deducibile da ciò potrebbe essere a sfondo provocatorio e quasi “minaccioso” da parte della punta spagnola; che così facendo, metterebbe il Real Madrid con le spalle al muro e darebbe un lumicino di speranza alla Juventus.
Non è un mistero , infatti, che le ultime dichiarazioni di Allegri e Marotta, continuino ad alimentare delle residue possibilità che la stampa italiana ed estera, oramai, vedono cancellate definitivamente.
Alvaro Morata, quindi sarebbe pronto a lanciare un ultimatum al Real Madrid, nel quale la sua emigrazione da Torino potrebbe avvenire solo per il suo club del cuore, elidendo le altre possibili ipotesi.
La difficoltà di trattenere il proprio giovane gioiello per le merengues, a causa di un settore pieno di campioni (Ronaldo, Bale, Benzema) e con un Lewandowski sempre più vicino, potrebbe giocare a favore di Marotta e Paratici.
Sarà una frase  dal cuore quella proferita da Alvaro Morata o sarà frutto di un “diabolico”bluff?
La prossima settimana, quindi, ci saranno tutte le risposte del caso: ma una cosa è sicura, la Juventus anche questa volta giocherà le sue carte fino alla fine, provando a compiere l’ennesimo capolavoro sportivo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Lazio-Kostic, è quasi fatta. E Inzaghi sogna Lazzari