Calciomercato: i bomber italiani che meritano una chance

Pubblicato il autore: riccardo rossi Segui

lapadulaLa seria A è ormai terminata,  serie B e Lega Pro emetteranno a breve i loro verdetti al termine dei playoff.
Poi sarà vacanza e, come ogni anno, l’attenzione di tutti sarà focalizzata sul calciomercato.
Nomi di giovani talenti sudamericani sconosciuti e di campioni sul viale del tramonto riempiranno le pagine dei quotidiani sportivi ed il web, accendendo le fantasie dei tifosi.
Gabriel Jesus del Palmeiras, Ibra e qualche nome esotico che emergerà da Euro 2016, saranno sicuramente oggetto del desiderio dei direttori sportivi nostrani.
Sarebbe bello, invece, se le nostre società decidessero finalmente di puntare sui giocatori italiani che più si sono messi in evidenza nella stagione che volge al termine.
Puntarci seriamente però, senza acquistarli per utilizzarli come merce di scambio, oppure come terze scelte per rimpolpare la panchina come spesso accaduto negli ultimi anni.
Limitandoci soltanto agli attaccanti, ci sono tre “Bomber” a cui andrebbe concessa una vera chance.
Vediamo chi sono e a chi farebbero comodo:

Leggi anche:  Florenzi nel mirino della Juventus: i bianconeri provano il colpo

GIANLUCA LAPADULA – Attaccante Pescara
Ventisette reti in quaranta presenze ed i play-off ancora da disputare: questo il bottino fino ad oggi del “Bravehart” italo-peruviano.
Attaccante classe ’90, tecnico, potente, di grande personalità e dalle grandi doti acrobatiche.
Lapadula è esploso negli ultimi tre anni, dopo un lungo, ed infruttuoso,  girovagare impostogli dai dirigenti del Parma, allora titolare del suo cartellino.
Undici reti nel Nova Gorica, stagione 2013- 2014, giocando come esterno d’attacco e non come punta centrale, ventidue centri nel Teramo, stagione 2014-2015 e la consacrazione fra i cadetti, con gli attuali ventisette gol fanno di questo attaccante un pezzo pregiato del mercato.
Il primo a metterlo nel mirino è stato il Leicester di Ranieri (come al solito all’estero si svegliano prima…caso Verratti docet) poi sono arrivate la Lazio ed il Napoli e chissà quante altre saranno le pretendenti nei prossimi giorni.
L’importante non è chi alla fine comprerà il suo cartellino, ma che si decida di mettere questo giocatore al centro di un progetto.
Tradotto: Lapadula merita una chance come titolare, senza se e senza ma, in una squadra di medio alto livello.
Consigliato a: Lazio e Milan

Leggi anche:  Il Milan ha ufficializzato il riscatto del difensore

LEONARDO PAVOLETTI
Il quasi ventottenne attaccante livornese, dopo aver fatto molto bene nella stagione 2013-2014 in serie B a Varese (24 gol), ha confermato nel Genoa di Gasperini , non solo di essere un attaccante all’altezza della massima serie, ma di avere medie realizzative da vero “Bomber”.
Quattordici reti in ventiquattro partite, senza rigori, ed una personalità da trascinatore, fanno di lui un centravanti completo, sicuramente pronto al grande salto in una squadra di fascia medio-alta.
Le squadre interessate ad acquistarlo prima di Euro 2016: una sua convocazione in extremis ed il “rischio” di un exploit in stile Totò Schillaci farebbero schizzare la sua quotazione alle stelle.
Consigliato a : Fiorentina e Milan

MARCO SAU
Il piccolo attaccante nuorese non è certo una novità, avendo già esordito anche in nazionale nel 2013 contro San Marino.
Resta comunque un giocatore sottovalutato ed ingiustamente, fino ad oggi, fuori dai “radar” delle squadre che puntano ad un piazzamento importante.
Giocatore esperto, molto dotato tecnicamente e capace di giocate straordinarie, ha bisogno di sentire sempre la fiducia, di essere al centro di un progetto.
Le sue caratteristiche tecniche fanno si che sia uno dei pochi eredi in circolazione dell’eterno Totò Di Natale: in una squadra di medio alta classifica, con un tasso tecnico complessivo più elevato, potrebbe trasformarsi in un bomber da quindici-venti reti a stagione, proprio come successe a Di Natale ad Udine.
Consigliato a: Udinese e Empoli

  •   
  •  
  •  
  •