Calciomercato Milan: servono due portieri

Pubblicato il autore: riccardo rossi Segui
Salvatore Sirigu (psg)

Salvatore Sirigu (psg)

Il gol di Alvaro Morata, nel corso del secondo tempo supplementare della finale di Coppa Italia disputata sabato sera all’Olimpico, ha fatto calare il sipario sull’ennesima triste stagione della squadra rossonera.
La Coppa Italia era l’ultima ancora di salvezza di una stagione sciagurata, che il Milan sperava di salvare con la conquista di questo trofeo, per anni snobbato da tutte le grandi ma, oggi rivalutato grazie all’accesso diretto ai gironi di Europa League, garantito in caso di vittoria.
Ai rossoneri , comunque usciti a testa alta contro i “penta-campeao” bianconeri in seguito alla migliore prestazione stagionale, non resta che affidarsi al calciomercato ed ai potenziali compratori cinesi.
Il Milan può comunque ripartire con una certezza, il portiere c’è ed è giovane e bravo.
Donnarumma ha infatti dimostrato, anche nella sfortunata notte romana, di essere uno dei migliori prospetti nel ruolo a livello mondiale.
Le sue doti atletiche e tecniche sono, indubbiamente, fuori dal comune ed anche la personalità (importantissima nel ruolo) non difetta affatto al giovanissimo talento di Castellamare di Stabia.
Alle sue spalle si è però aperto improvvisamente il vuoto: Diego Lopez saluterà a breve,  dopo un’annata nera, dovuta all’esplosione di Donnarumma e a diversi guai fisici  (ha offerte da Premier, Liga e dalle Big turche), mentre Abbiati ha definitivamente appeso i guantoni al chiodo, non riconoscendosi più nel Milan di oggi.
Nel prossimo calciomercato dunque la proprietà rossonera, con Silvio ancora al timone o meno, dovrà preoccuparsi , oltre che di rifare mezza squadra e di “piazzare giocatori ad oggi quasi invendibili (Luis Adriano, Bertolacci), di dover comprare non uno ma, due portieri.
Se uno dei due, considerata anche l’assenza del Diavolo per il terzo anno consecutivo dalle competizioni europee, potrà essere il classico terzo portiere, buono solo per le emergenze estreme e per fare gruppo, l’altro dovrà essere un portiere di sicuro valore ed affidabilità, un potenziale titolare.
Il Milan dovrà infatti orientarsi su un numero uno esperto, ma ancora non in fase calante, disponibile a partire come dodicesimo, ma pronto a subentrare con autorità qualora Donnarumma, come spesso accade ai giovani dopo una prima annata positiva, dovesse avere dei comprensibili alti e bassi.
L’identikit è chiaro ma, non altrettanto facile sarà trovare un portiere con queste caratteristiche e disposto ad accettare di partire come dodicesimo.

Leggi anche:  Visite mediche per Calhanoglu l'ex Milan: firma di un triennale?

Vediamo quali potrebbero essere i “papabili”:

SALVATORE SIRIGU
Pro: Grande esperienza, nonostante sia un classe 1987, ed affidabilità tecnica
Contro: Stipendio elevato e poca disponibilità a fare il dodicesimo

ALBANO BIZZARRI
Pro: E’ reduce dalla sua migliore stagione in Italia, stipendio abbordabile e disponibilità al ruolo di dodicesimo in partenza.
Contro: I quarant’anni sono ormai dietro l’angolo…..

SAMIR UJKANI
Pro: Il ventisettenne Kosovaro è ripartito da Latina dopo le esperienze in chiaroscuro di Palermo e Novara.
Sembra aver acquisito stabilità e consapevolezza nelle proprie doti.
Contro: Tutto da valutare l’impatto con uno stadio come San Siro, potrebbero tremargli le gambe e correrebbe il rischio di “bruciarsi” rapidamente.

ANTONIO MIRANTE
Pro: Ancora giovane, sebbene esperto. Tecnicamente affidabile
Contro: Difficile che scelga la strada del dodicesimo “chioccia” ora che sembra al top della carriera.

Leggi anche:  Ziliani ironico: "Scambio Locatelli-Dragusin, il Sassuolo darà un conguaglio alla Juve?"

Alla fine potrebbe essere Ujkani, ad occupare una delle due caselle libere nella rosa rossonera alla voce portieri, visto che Juve, Fiorentina ed Inter, nelle ultime ore, hanno mostrato grande interesse proprio per Mirante e Sirigu.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: