Erick Thohir su Mancini: “Dobbiamo fidarci dell’allenatore”

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui
erick thohirDopo le dichiarazioni shock di Mancini e la prestazione mediocre offerta contro il Sassuolo, Erick Thohir decide di uscire allo scoperto per dire la sua sulla stagione appena conclusa, e sul tecnico interista, per farlo approfitta della festa dell’Inter Club Indonesia Gorontalo per la stagione appena conclusa, che nonostante tutto rimane la migliore da quando è il presidente dell’Inter.
Ricordiamo infatti che Thohir prese l’Inter con Mazzarri in panchina, che ottenne il quinto posto nella prima stagione, giungendo ai play off di Europa League. L’anno seguente, il primo in cui l’entourage indonesiana agì dall’inizio della stagione, la squadra non arrivò neanche ai preliminari della competizione europea, dovendo cambiare a novembre il tecnico, e ingaggiando Roberto Mancini, quello stesso coach che quest’anno ha raggiunto il quarto posto in classifica, miglior risultato dell’Inter targata Thohir, poiché significa l’accesso diretto alla fase a gironi dell’Europa League, con soldi dei diritti televisivi sicuri e torneo che inizia a ottobre, concedendo alla squadra tutta l’estate per poter programmare al meglio la stagione.
Anche se a molti tifosi interisti sembra poco, in realtà il quarto posto è qualcosa di importante e sul quale si deve partire per riuscire l’anno prossimo a vincere un trofeo e a qualificarsi per la Champions.
Come ha spiegato lo stesso Roberto Mancini, Juventus, Roma e Napoli sono attualmente al di sopra dell’Inter, ma non solo in fatto di soldi da poter spendere, ma anche perché hanno già avuto la fase di transizione proprietaria, e ora sono proiettate verso la raccolta degli investimenti fatti.
Basta ricordare la Juventus di Deschamps, Ranieri e Ferrara, una Juventus da rifondare che ha gettato le basi per  quella che è stata la vincente Juventus di Conte, e chi non ricorda la neonata Roma statunitense, con Luis Enrique in panchina, poi sostituito l’anno dopo da Zeman? Anche quella è stata una Roma in transizione, prima di tornare grande con Garcia e ora grandissima con Luciano Spalletti. Discorso diverso può essere fatto per il Napoli, che ha avuto un saldo proprietario e fin dall’era Mazzarri ha raccolto frutti, anche se minori.
Il tycoo indonesiano non può che dimostrarsi quindi soddisfatto dell’annata, che poteva sicuramente andare meglio con l’accesso in Champions League, ma che non può assolutamente essere considerata da buttare:

Leggi anche:  Locatelli-Juventus, l'incontro tra Cherubini e Carnevali è stato positivo

“Tutti i calciatori dell’Inter dovrebbero essere orgogliosi di indossare questa maglia. L’obiettivo in vista della prossima stagione dovrà sicuramente essere migliore, dobbiamo fidarci dell’allenatore e incoraggiarlo a continuare a dare il massimo”. (Intervista riportata dal sito gazzetta.it).

Lo sperone il presidente non lo spende quindi contro mancini ma contro i calciatori, rei di non dare sempre il massimo come dovrebbero.

Erick Thohir ringrazia e conferma Mancini

Erick Thohir non può infatti non ringraziare Roberto Mancini, per il quarto posto e per il ritorno in Europa dalla via principale, nonostante la brutta sconfitta rimediata contro il Sassuolo, che ha lasciato un po tutti con l’amaro in bocca.

Malgrado la sconfitta contro il Sassuolo ringrazio Mancini e la squadra per essere in Europa. Comunque, il migliore degli ultimi cinque anni” aveva ammesso ieri sera il presidente dell’Inter”.

Per la dirigenza indonesiana Mancini è quindi confermato, la scelta se rimanere o meno dipenderà quindi solo dall’attuale tecnico, che potrebbe trovare nuovi stimoli altrove. Si parla molto di PSG, una sfida che potrebbe veramente rivelarsi affascinante in una Francia che sogna ormai da decenni la Champions League, e che con la squadra della sua capitale potrebbe veramente raggiungere, nonostante l’addio annunciato di Ibrahimovic.
A Parigi Mancini potrebbe portare Handanovic e Icardi, giocatori che colmerebbero le lacune dei parigini in virtù della partenza del bomber svedese.

Leggi anche:  Juventus, spunta il talento danese nella lista degli obiettivi di mercato

Erick Thohir conferma il tecnico: pronto comunque un sostituto

Per Thohir il tecnico è e resterà Roberto Mancini, ma in caso che l’attuale coach decidesse di cambiare aria, si punterebbe fortemente su Vincenzo Montella, considerato da chi è vicino all’ambiente nerazzurro come l’uomo ideale per poter guidare una squadra giovane, facendo esprimere anche un bel gioco, cosa che sia con Mazzarri che con Mancini non si è proprio vista.
Sull’attuale tecnico della Sampdoria si apre però la pista nazionale, cosa che vanificherebbe l’interessamento dell’Inter, che a quel punto dovrebbe cercare altrove, si è parlato molto di Emery, vicinissimo però al Real Madrid in caso di non conquista della coppa da parte di Zidane, e di Bielsa, che però risulterebbe fuori budget per una società che non può più spendere come ai tempi di Moratti.

  •   
  •  
  •  
  •