Ibrahimovic lascia il PSG, addio su twitter

Pubblicato il autore: giuseppe spampinato Segui

Cattura di schermata (35)
Questa mattina, con un post su Twitter, Zlatan Ibrahimovic ha annunciato il suo addio definitivo al PSG. Il campione svedese ha finalmente preso una decisione dopo che, negli ultimi mesi, non si è fatto altro che parlare del suo futuro lontano da Parigi.

My last game tomorrow at Parc des Princes. I came like a king, left like a legend.

“Domani la mia ultima partita al Parco dei Principi, sono arrivato da re e me ne vado da leggenda”. Questo il post con cui Ibrahimovic ha fatto sapere ai suoi tifosi che lascerà il Psg a fine stagione. Il suo futuro resta ancora incerto, il suo nome è stato accostato a diverse squadre, tra cui Milan e Manchester United; a questo c’è da aggiungere la fantomatica offerta da 75 milioni di euro netti a stagione ricevuta dalla Cina.
Il suo procuratore Mino Raiola ha, però, ottimi rappori con molte squadre e il trasferimento di Ibra, si sa, non ha mai riguardato solo il prezzo del suo cartellino. Un ruolo di grande importanza nel suo trasferimento sarà la volontà del giocatore di terminare la sua carriera in una squadra che lo soddisfi. Le recenti dichiarazioni “d’amore” al Milan farebbero pendere la bilancia a favore dei rossoneri, che potrebbero trovare un accordo con il giocatore per quello che riguarda il suo alto ingaggio.
Ibrahimovic è approdato al Psg nell’estate del 2012, segnando 152 gol in 178 partite tra campionato e coppe. In tutte le squadre dove ha militato ha sempre vinto il campionato nazionale, l’unico trofeo che ancora manca al suo palmares è la Champion’s League. Anche quest’anno, infatti, Ibrahimovic non è riuscito a trascinare la sua squadra alla conquista dell’Europa e resta da credere che questo giocherà un ruolo fondalmentale nella scelta del suo prossimo club. Ecco perchè un suo trasferimento fuori dal vecchio continente sembra improbabile al momento, a meno che Ibrahimovic non abbia rinunciato definitivamente alla conquista della Champions.

  •   
  •  
  •  
  •