Mercato Inter: Tourè ha deciso, vuole Mancini!

Pubblicato il autore: Fabrizio Caminiti Segui

inter yaya tourè
Mercato Inter: Tourè risponde presente alla corte di Mancini e questa estate anche Thohir è d’accordo sull’acquisto dell’ivoriano.

Ormai non è più un mistero, anzi col tempo sta diventando una certezza. Yaya Tourè è sempre più vicino a vestire i colori nerazzurri. Mancini è stato chiaro: ” Nella prossima stagione interverremo solo con acquisti mirati in zone nevralgiche del campo. Abbiamo bisogno di 2/3 campioni che diano sicurezza alla squadra. Banega è il primo rinforzo e tutti gli indizi sembrano confermarlo, ci darà una grossa mano”.  Mancini non si nasconde più, anche perché dopo la chiusura della stagione è tempo di bilanci ed i 67 punti acquisiti fanno fare molte riflessioni. Il reparto che ha dato garanzie maggiori, è paradossale dirlo ma si tratta proprio della difesa. Un girone d’andata con la casella dei gol subiti che non superava le decine non era pronosticabile e nemmeno comprensibile, vedendo gli elementi in rosa. Miranda e Murillo hanno avuto una stagione altalenante ma nel complesso possono migliorare tantissimo insieme e diventare una coppia affiatata se c’è la squadra che li protegge. Murillo dovrà limitare molto i suoi interventi da taekwondo. L’attacco non ha dato garanzie nonostante i 16 gol di Icardi. Jovetic e Perisic chiudono rispettivamente a 6 e 7 gol. Magro bottino per due top players che erano arrivati con l’intento di far fare il cambio di passo alla squadra. E’ molto strana la carenza di gol se si guarda il modulo adottato da Mancini con 3 punte in grado di scambiarsi senza dare punti di riferimento. Questo è il punto focale della stagione che il Mancio ha analizzato. Difesa ottima e attacco sterile pur avendo i campioni: qualcosa non va! Ebbene il problema è il collante tra i due reparti, ovvero il centrocampo. Yaya Tourè era ed è l’elemento su cui Mancini può affidare il cambio di manovra, rapidità di movimento e di pensiero. Tecnica, ripartenze e cambi di fronte. Tourè è l’elemento chiave che può dare maggiore sicurezza al reparto. Banega è il regista ordinato che andava preso tempo fa ed è l’unico che può dettare i tempi di gioco. Banega preso, Tourè forse. L’agente dell’ivoriano s’è espresso cosi:” Yaya ha ancora un contratto col City sino al 2017 e se la società non vuole privarsene noi non faremo pressioni ma la volontà del mio assistito è chiara e la conoscono tutti. Guardiola (futuro tecnico del Man. City) sappiamo tutti che modulo usa e la considerazione che ha verso alcuni giocatori e quindi faremo un bilancio di tutto e tireremo le somme. Entro 10 giorni saprete tutto. L’Inter vuole Tourè e Yaya gradirebbe parecchio il club di Milano oltre a Mancini ma bisogna sistemare prima alcune cose”. Thohir ha già confermato che sarebbe disposto a prendere 2/3 big per la prossima stagione senza fare spese folli e lo si intuisce anche dai denari che non verranno spesi per alcuni prestiti come: Ljajic, Telles e forse Jovetic. Eder per il poco tempo avuto a disposizione potrebbe avere un’ulteriore chance. Erkin e Banega, oramai presi, vanno a coprire alcune falle in particolari posizioni del campo. Medel è un buon giocatore ma con parecchi limiti fisici e tattici, Kondogbia sarà un futuro campione ma ha ancora bisogno di tempo e Brozovic sarà il pezzo pregiato assieme ad Handanovic che sarà sacrificato per fare cassa. Tourè e Banega sarebbero i pilastri di un reparto che ha bisogno di guide esperte ma anche di iniettare ai giovani un pò di autostima.

Leggi anche:  Per l'attacco spunta (ancora) il nome di Rodrigo Palacio. La situazione in casa Atalanta
  •   
  •  
  •  
  •