Balotelli a un passo dall’addio: Super Mario non è mai stato così poco special

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

during the Serie A match between AC Milan and Empoli FC at Stadio Giuseppe Meazza on August 29, 2015 in Milan, Italy.

Lo chiamavano SuperMario quando, ancora ragazzino, sembrava potesse diventare la nuova stellina del calcio italiano. Prometteva gol e assist quando, in una fredda serata di dicembre, Balotelli esordiva in Coppa Italia contro la Reggina.
Sono passati tanti anni da quel giorno, quante discussioni su questo ragazzo, quanto caos. Ora i riflettori non sono più puntati su questo ragazzotto dal fisico prestante e dalla testa bacata, perchè SuperMario non è mai stato così Normal. Uno dei tanti, uno degli esuberi di un Milan senza cuore, senza spirito e senza identità.
Balotelli è il figlio della stampa, dei giornalisti, o giornalai?, che per anni hanno gridato al fenomeno. Ma non tanto per reale convinzione, piuttosto per vendere giornali, per fare notizia, per far parlare, perchè questo ragazzo ne ha fatte vendere di copie. Balotelli non è mai stato un campione e neppure un potenziale campione, è uno dei tanti. Un giocatore normale, con un gran tiro e un gran fisico, un calciatore normale con pregi, qualcuno, e con tanti difetti. A partire da quella testa che del campione aveva ben poco.
Balotelli è finito lentamente ai margini del calcio italiano, come uno dei tanti, mentre il suo ingaggio, che è sempre cresciuto in maniera indirettamente proporzionale alle prestazioni sul campo, è lievitato sempre più. Merito di Mino Raiola, vero top player di questo calcio moderno.
Oggi Balotelli è alla ricerca di una sistemazione: Milan e Liverpool non ne vogliono sapere di proporgli un nuovo contratto. Le voci stanno portando Mario lontano dal calcio che conta, ci è mai arrivato davvero?, e le ultime indiscrezioni parlano turco.
«Ho offerto il mio assistito al Basiktas, attualmente stiamo aspettando una risposta, ma sono fiducioso perché in passato questo club ha fatto davvero di tutto per cercare di ingaggiarlo. Ora una trattativa è possibile, vedremo, comunque le sensazioni sono ottime», parole e musica di Mino Raiola.
Mario Balotelli a un passo dal Besiktas, è questa la notizia che circola. Uno spiffero di mercato detto quasi sottovoce, perchè ormai Balotelli, giocatore di 26 anni non dimentichiamolo, non fa più vendere.
Mario non è mai stato così Normal come in questi giorni, triste fine per un giocatore che avrebbe dovuto, dovuto ma non potuto, cambiare il calcio italiano. La Turchia è vicina, mentre l’anonimato è cosa fatta già da tempo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Probabili formazioni Milan Fiorentina: rossoneri che faranno ancora a meno di Ibra