Ferrero: “Stiamo costruendo una squadra che non faccia più soffrire me e i tifosi”

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

massimo-ferrero-sampdoria_1706qf710u4ls1szh7673n73mz

Dopo l’ultima stagione, avara di soddisfazioni, e con l’obiettivo minimo della salvezza arrivato alla penultima giornata, la dirigenza blucerchiata si ritrova in debito con la propria tifoseria. Il miglior modo per sdebitarsi, quindi, è quello di allestire una squadra che possa affrontare in modo più sereno il prossimo campionato, cercando di imparare dagli errori commessi nel recente passato. Nei giorni scorsi, il presidente Massimo Ferrero ha rilasciato alcune dichiarazioni in quest’ottica. “Stiamo cercando di costruire una squadra che non faccia più soffrire me e tutti i tifosi. Puntiamo a una stagione serena. L’anno scorso abbiamo sofferto tantissimo e la salute è la cosa più importante”. Va detto che la sofferenza di cui parla Ferrero, in buona parte, proviene da alcune scelte discutibili, soprattutto in sede di mercato. Smantellare il centrocampo, perdendo i vari Obiang, Duncan, Rizzo e Acquah, ad esempio, senza rimpiazzarli adeguatamente, ha indebolito “a livello fisico” una squadra che, l’anno prima, aveva fatto della fisicità una delle sue doti migliori. Non un caso il fatto che, in molte occasioni, sia stato percepito un deficit “muscolare”. L’esempio più clamoroso? Il derby di ritorno.

Leggi anche:  Barcellona Milenkovic, sarebbe lui il sostituto di Piqué: lo spagnolo starà fuori sei mesi

L’attenzione si sposta, poi, su quella che, per ora, è una delle poche certezze del futuro blucerchiato, ovvero la permanenza di Vincenzo Montella, che siederà ancora sulla panchina della Sampdoria. Il tecnico campano, 24 punti in 26 partite, ha l’onere, anch’egli, di doversi riscattare, dimostrando che, preparando la stagione fin dall’inizio, può essere un valore aggiunto, ciò che non è successo subentrando a Walter Zenga. “Montella? Lo seguo e lo conosco da molti anni e, se lo conosco bene, nella prossima stagione, con un po’ di fortuna, vedremo il grande allenatore che è“.

Sul mercato, non manca una breve battuta sull’attuale capitano doriano, Roberto Soriano: “Il mercato non è ancora iniziato, è chiaro che faremo di tutto per fare una grande squadra e c’è gente che va e gente che viene”. Insomma, una possibile cessione dell’italo-tedesco non pare essere così improbabile, sia per motivi di bilancio, sia per avere “cash fresco” da reinvestire sul mercato.

Leggi anche:  Haaland-Juventus, il padre del norvegese: "Ecco perché mio figlio rifiutò i bianconeri"

Infine, un accenno anche su Antonio Cassano che, tramite i social network, ha fatto capire di essere pure lui in cerca di riscatto, allenandosi anche durante il periodo di ferie estive. “Cassano? Gli parleremo e troveremo la soluzione migliore. Per tutti, per lui e per la Sampdoria“. Anche in questo caso, una sua permanenza non pare essere così certa. Una sua eventuale partenza, però, potrebbe trasformarsi in un futuro rimpianto, perchè la condizione fisica, con la quale il numero 99 si appresta ad affrontare la prossima stagione, sarà ben diversa da quella che i tifosi doriani hanno “ammirato” fino ad un mese fa.

  •   
  •  
  •  
  •