Ibra mercato, alle 17 lo svedese comunicherà il suo futuro

Pubblicato il autore: nickpierleoni Segui

ibracita

Ibra mercato: i nodi vengono al pettine

King Zlatan is ready. Dopo mesi di trepidante attesa attorno al suo futuro, oggi Zlatan Ibrahimovic rivelerà la sua prossima destinazione sciogliendo ogni nodo o dubbio che si fosse manifestato. Come riporta SportMediaset, alle 17 di oggi pomeriggio, a margine del lancio della sua nuova linea di abbigliamento A-Z, con evento in diretta Facebook il campione dei campioni pronuncerà il nome della squadra che se lo è aggiudicato a suon di coccole e milioni.
Ad ora il vento sembrerebbe spingerlo verso Manchester (sponda United) da un certo Mourinho che non vedrebbe l’ora di riabbracciare uno dei giocatori che lo hanno impressionato maggiormente nella sua carriera da allenatore. Difatti, nonostante Ibra abbia apertamente dichiarato che il suo prossimo trasferimento sarà “una bomba di mercato“, forse i media sono stati tempestivi nel disinnescare il botto puntando forte su un suo approdo tra i Red Devils. Ma come si suol dire se nulla è reale tutto è lecito. Dunque è lecito credere che magari Zlatan questa volta ci possa realmente stupire visto che la carriera di Ibracadabra è sempre stata in crescendo con scelte ricadute su squadre che puntavano forte su di lui ma che comunque avevano un ottimo curriculum. E quindi?
Dalle sue parole “non è una grandissima squadra ma è una protagonista” si dovrebbe evincere che potrebbe non essere una squadra storica ma una big del calcio attuale. Tuttavia questo identikit escluderebbe la candidata numero uno: lo United, che ha costruito i successi più solidi negli ultimi 25 anni ma comunque è certamente una squadra storica del calcio europeo. A questo punto si dovrebbero spegnere definitivamente anche le speranze rossonere di rivedere Ibra al Milan, sia per l’incertezza societaria attuale sia perchè il Milan in ogni caso rappresenta, almeno in parte, la storia del calcio europeo.

Leggi anche:  Europa League - Milan, Castillejo: "Vogliamo battere il Lille"

Ibra mercato: chi ha bussato alla porta di Zlatan?

Ma ai piedi del trono di Re Zlatan qualcuno si è inginocchiato con i giusti doni. E se non si trattasse dello Special One? Nel corso di questi mesi, le sirene attivate appena il numero dieci del PSG ha annunciato che non avrebbe rinnovato erano tante, un po’ in tutto il mondo. Dai fior di milioni della Cina e della MLS alle petrolifere cifre saudite fino alle realtà calcisticamente più concrete del vecchio continente. Ma Ibra ha già preso la sua decisione e oggi finalmente scopriremo qual’è.
Nel frattempo il campione di Malmo si è lasciato andare a qualche ultima scorribanda dal sapor francese. La Gazzetta dello Sport riporta le parole dello svedese in riposta al grande favore acquisito in terra transalpina che lo vedrebbe decisamente più amato del presidente Hollande:”Perché io sono me stesso. Ma non posso parlare per lui perché non lo so. Posso renderlo popolare, se voglio. Ma non so se ne ho voglia. Io sto a destra, a sinistra, ovunque, perché sono l’uomo del popolo.” Frecciatina scoccata all’indirizzo del presidente francese che, secondo Ibra, si è adoperato meno di lui per aiutare il paese.
Quindi, per stemperare gli animi prima della scelta, Ibrahimovic ci regala ancora un briciolo di sé e del suo saper essere speciale. Quello che non è in dubbio ancora oggi è che lui, come nessun altro, saprà dimostrare di aver scelto non in base ad un desiderio passeggero ma in base al suo spirito guerriero per dimostrare, ancora una volta, di voler essere il migliore, per dimostrare di essere sempre e comunque Zlatan.

  •   
  •  
  •  
  •